Con CPU Exynos Samsung risparmia sulle royalities dei brevetti

È oramai noto come Samsung Galaxy S6 (e controparte EDGE) sia corroborato da CPU Exynos, una mossa in controtendenza rispetto al passato allorché il brand coreano si avvaleva dei servigi di Qualcomm per i propri smartphone top di gamma. Ma con il nuovo device la musica sembra esser cambiata e la strategia di Samsung può esser letta anche da un punto di vista squisitamente legato ai risparmi.

CPU Exynos

Secondo un rapporto a firma TechInsight, la produzione di Samsung Galaxy S6 sarebbe aumentata di una variabile pari a circa il 12% rispetto a quanto occorso con il modello di generazione e precedente, a fronte di un costo di produzione dei componenti di 281 miliardi di dollari. Malgrado ciò, tutto questo sembra non aver avuto ripercussioni sul costo finale del dispositivo, tenendo anche conto l’uso di materiali ben più “premium” rispetto al passato. Come si spiega questo dato? Presto detto, giacché Samsung avrebbe risparmiato sulle royalities dei brevetti relativi ai suoi smartphone ed a tale stregua la produzione della CPU Exynos 7420 avrebbe portato una decurtazione delle spese pari al 2.5/5%. D’altronde, stime presenti in rete parlano di una cifra pari a 9.2 miliardi di dollari in royalities che Samsung avrebbe corrisposto a Qualcomm nei quattro anni di produzione degli smartphone targati Galaxy S.

L’utilizzo di CPU Exynos per i propri smartphone top di gamma è sicuramente un duro colpo inflitto a Qualcomm, che per contro sta pensando di tagliare le spese di royalities dei brevetti affinché non possa esser sancita la fine del rapporto con Samsung, indubbiamente tra i patners più importanti cui vanta l’azienda. D’altronde, la lotta ai chipset sta coinvolgendo sempre più avversari, come l’arrembante azienda MediaTek. Altri problemi cui dovrà dunque far necessariamente fronte Qualcomm, dopo quelli di surriscaldamento patiti dallo Snapdragon 810 ed in attesa di toccar con mano quello che porterà in dote l’exa-core Snapdragon 808, forse inserito nell’attesissimo LG G4.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *