Fonkratf: lo smartphone modulare arriva su Indiegogo

Il progetto di uno smartphone modulare sarà probabilmente il futuro dei dispositivi e questo Fonkraft lo sa benissimo, presentendo il suo su Indiegogo. Il tutto è davvero ambizioso diciamo ai limiti dell’impossibile e i motivi sono principalmente due: i fondi e il personale al lavoro. Ecco perchè secondo noi!

id429273

Come molti di voi sapranno, Google sta lavorando da quasi due anni ad un progetto denominato Project Ara che ha lo scopo di realizzare uno smartphone modulare. Smartphone modulare si intende ciò che oggi alcuni di voi fa già con il suo PC, ovvero comprando i vari “componenti” hardware per poi montarli a vostro piacimento. Il progetto di Google è davvero ambizioso e un primo prototipo funzionante è stato presentato qualche mese fa nel corso di una conferenza al Google Developer.

Ma passare da Google ad un gruppo di ingegneri, che per carità per quanto bravi e in gamba hanno creato il tutto in qualche mese, ci passa tanto. E questo è quello che abbiamo pensato fin da subito. Sottolineiamo il fatto che probabilmente questo progetto avrà esito positivo e non vogliamo infangare in nessun modo il nome o il team di sviluppatori, tante è vero che vi proponiamo tutti i particolari dello smartphone modulare proposto da Fonkraft.

Come potete vedere dal video in basso, il progetto è palesemente inspirato a Project Ara, tuttavia non vi è nessuna precisazione sui collegamenti dei moduli e sul loro funzionamento. Quello che sappiamo al momento sono solo tanti pezzettini che raffigurano batteria, CPU, GPU e fotocamera che possono interagire ed essere scambiati tra di loro. Anche lo schermo sarà sostituibile e l’azienda ha già messo in vendita le prime unità, al momento in preordine a 99$.

Tramite il sito Indiegogo potete infatti contribuire alla realizzazione di questo progetto che ha stabilito come cifra finale solo 50.000$. Perchè solo? Bhe se pensate che Google sta spendendo milioni in due anni di ricerca…capire bene che ci sembra un progetto altamente impossibile! Speriamo comunque di essere smentiti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *