Google X labs e le prossime generazioni di batterie mobile

Google X labs e le prossime generazioni di batterie mobile! Secondo quanto riportato dal Friday Wall Street Journal, dal 2013 un piccolo team di lavoro è impegnato nei laboratori di Google in attività di ricerca su nuove tecnologie che la stessa Google potrebbe impiegare sui prossimi dispositivi come smartphone, indossabili, tablet e altro. Il gruppo è stato istituito nel 2012 ed è attualmente guidato dall’esperto in batterie mobile, Ramesh Bhardwaj (ex ingegnere Apple).

ottimizzare_batteria

Un progetto sui cui Google sta lavorando riguarda un concetto di batteria batteria del tutto nuovo, che si presume darà l’avvio ad una nuova generazione di batterie mobile: la flexible solid-state battery, ossia un prodotto che sostituisce ai liquidi chimici, contenuti all’interno delle batterie dei nostri device, un composto solido per il transito della corrente.

A quali obiettivi puntano Google e le altre aziente del settore in fatto di batterie? Più economiche da produrre, con impatti sostenibili a livello ambientale, una durata maggiore di vita e di funzionamento, la sostituzione delle sostanze chimiche volatili con componentistica solida: addio batterie che si gonfiano o che esplodono in tasca! Non ci resta che attendere e vedere quale casa produttrice riuscirà a brevettare per prima un prodotto vincente che aumenti prestazioni e sicurezza dei nostri device.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *