LG G4 vs iPhone 6 Plus: i sei dettagli che mancano allo smartphone Apple

LG G4 vs iPhone 6 Plus: i sei dettagli che mancano allo smartphone Apple. L’iPhone 6 Plus è, senza dubbio, uno degli smartphone più influenti del momento nonostante qualche piccolo ‘difetto’ come le dimensioni un po’ esagerate o la fotocamera da ‘soli’ 8 megapixel, ad esempio. Essere un top di gamma non è sinonimo di tranquillità: ogni giorno nuovi device vengono lanciati sul mercato ed iPhone, in questo caso particolare, deve saper tener testa ai suoi avversari. Uno dei nuovinemici‘ dello smartphone Apple appena sceso in campo è il nuovo LG G4.

Oggi vi elencheremo i sei dettagli che possiede il nuovo dispositivo LG rispetto all’iPhone 6 Plus. Le differenze che vedrete vanno ad aggiungersi a quelle riguardanti il processore (esa-core di LG contro dual-core di Apple), quantità di RAM e densità di pixel del display.

  • Display Quantum IPS da 5.5″

Display-G4 (FILEminimizer)

Anche per il nuovo LG G4, l’azienda ha deciso di utilizzare un display con le stesse dimensioni di quello adoperato per il modello precedente, il G3. Ovviamente, non sono mancati miglioramenti, che riguardano la qualità dell’immagine, il contrasto, la luminosità, la qualità dei colori, i consumi e la funzionalità del touch screen. Messe tutte insieme, queste modifiche apportate al display precendente si traducono in una gamma di colori del 120%, un rapporto di contrasto maggiore del 50% ed una luminosità aumentata del 30%.

  • Stabilizzazione ottica dell’immagine a tre assi

OIS (FILEminimizer)

Il modulo OIS introduce, per la prima volta, un terzo asse e la gamma di stabilizzazione dell’immagine è stata estesa da uno a due gradi su entrambi gli assi X e Y. Questo dovrebbe essere utile per ridurre gli effetti involontari della vibrazione delle mani, durante una ripresa video.

  • Analizzatore di spettro di colore

CSS (FILEminimizer)

Per la prima volta, LG ha deciso di equipaggiare il suo nuovo smartphone con un sensore di spettro di colore, posto accanto alla fotocamera. L’utilizzo del CSS (Color Spectrum Sensor) dovrebbe favorire una qualità dell’immagine ottimale: infatti, il sensore analizza i valori RGB dell’ambiente e la luce infrarossa riflessa dagli oggetti, regolando nel modo giusto il bilanciamento del bianco ed il flash. Lo scopo è ottenere un’immagine sullo smartphone il più vicino possibile a quella che è possibile osservare ad occhio nudo.

  • Cover posteriore in pelle removibile e memoria espandibile

removable-battery-G4 (FILEminimizer)

E’ possibile rimuovere la cover posteriore dell’LG G4 visto che il nuovo smartphone è equipaggiato con una batteria da 3.000 mAh removibile. Ci teniamo a puntualizzare che il device può essere richiesto con la cover in vera pelle, con un piccolo supplemento di 50$. Inoltre, nel caso non siano sufficienti i 32 GB di memoria interna, è possibile espandere lo spazio d’ archiviazione con l’aggiunta di una memoria microSD.

  • Apertura della fotocamera F1.8 e velocità dell’otturatore regolabile manualmente

Manual (FILEminimizer)

Il nuovo LG G4 è dotato di una fotocamera da 16 Megapixel con un’apertura della lente F/1.8, molto più ampia di quella di iPhone (F/2.2). Secondo quanto riportato dall’azienda, il nuovo sensore permette di ‘catturare‘ l’80% in più di luce rispetto al G3: questo si traduce in una qualità d’immagine migliore anche in condizioni di scarsa illuminazione. A supporto dell’utente interviene anche l’app Fotocamera che permette di regolare numerosi parametri, compresa la velocità dell’otturatore.

  • Scocca curva e resistente agli urti

Slim-Arc-G4 (FILEminimizer)

Osservando la scheda tecnica del nuovo smartphone LG avrete osservato che lo spessore è indicato come un intervallo (da 6.3 mm a 9.8 mm). La scocca è realizzata secondo un design denominato Slim Arc: il cellulare risulta leggermente curvo con un raggio di 3000 mm. La scelta di un design curvo è mirata alla preservazione del display: se il telefono dovesse cadere, la maggior parte dei danni si concentrerebbe nella parte superiore ed inferiore della scocca, diminuendo del 20% la probabilità di rottura dello schermo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *