Vendite Samsung Galaxy S6 EDGE, nuovo impianto di produzione

Gli ultimi rumors apparsi in rete focalizzano l’attenzione circa il quantitativo di vendite Samsung Galaxy S6 EDGE, un dato importante per capire se l’ultima nonché innovativa fatica del colosso coreano abbia avuto riscontro positivo da parte degli utenti, grazie anche alla particolarità del doppio display curvo, l’elemento principe di differenziazione rispetto alla “più semplice” variante Flat. A tale stregua, la strategia orchestrata da Samsung si è rivelata felice, giacché il brand ha scelto di partire con i piedi di piombo, centellinando il numero di S6 EDGE presenti sul mercato con lo scopo di sondare il terreno e capire se la diffusione ed il successo potesse portare ad auspici positivi per l’immediato futuro.

Vendite Samsung Galaxy S6 EDGE

Ebbene, sembra che le vendite Samsung Galaxy S6 EDGE abbiano superato le più rosee aspettative, tanto da stagliarsi come l’ultimo smartphone della famiglia Galaxy più richiesto dagli utenti. Ciò avrebbe indotto Samsung ad aprire una terza fabbrica di produzione (denominata linea di produzione A3), così da soddisfare con maggiore puntualità la domanda di S6 EDGE. Alcune fonti hanno inoltre quantificato il dato di produzione del display grazie al subentro della neonata fabbrica, pari a più del doppio in un mese rispetto a quanto occorso in passato. La stessa Samsung parla d’altronde di un dato di produzione mensile di 5 milioni di schermo, contro gli appena 2 registrati prima del subentro della terza fabbrica.

Inizialmente la strategia dell’azienda coreana era quella di incrementare la produzione nel mese di Giugno, ma gli ottimi dati riscontrati finora hanno indotto ad accelerare il passo e la tempistica originariamente prevista. Insomma, valori positivi per le vendite Samsung Galaxy S6 EDGE, contrariamente alle prime stime ipotizzate circa il successo della variante connotata dalla curvatura ad entrambi i lati dello schermo, per via del costo finale del prodotto, unito alla giurisprudenza sull’utilità o meno della sua implementazione.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *