Android M 6.0 per sostituire Lollipop: potrebbe essere lanciato a fine mese

Android M 6.0 per sostituire Lollipop: potrebbe essere lanciato a fine mese. Google I/O è un evento annuale organizzato dall’azienda incentrato sullo sviluppo di applicazioni web. Il programma stilato per quest’occasione racchiude tutte le iniziative che Google cercherà di realizzare nell’anno in corso e, spulciandolo per bene, è inevitabile imbattersi in una delle novità più importanti: il prossimo update del sistema operativo Android sarà la versione 6.0 o Android M.

Questa release è stata sviluppata per sostituire la versione precedente (Android Lollipop) che, seppur sia stata rilasciata da poco e non sia disponibile su tutti i dispositivi, ha creato malcontenti e l’azienda ha deciso di rimpiazzarla.

google_io_ (FILEminimizer)

La società continua la sua tradizione di nomenclatura in ordine alfabetico, in quanto la M segue la L di Lollipop: anche la versione precedente fu lanciata con la sola iniziale per poi essere svelato il nome completo. Riguardo alle novità che porterà il nuovo Android M non si sa molto. Da alcune notizie trapelate sul web (poi cancellate) ci sarà un applicazione che consentirà una duplice visualizzazione: una pensata con fini di produttività e l’altra per uso personale.

Oltre ad Android M, al Google I/O ci saranno altre importanti novità. L’azienda cerca di tenere il passo veloce della tecnologia, puntando anche sugli indossabili: si sta pensando, infatti, allo sviluppo di un nuovo indossabile che sappia superare le dimensioni ridotte degli altri indossabili, senza perdere in efficienza. Il progetto è stato affidato al team ATAP ma non sapremo se quest’idea riuscirà a concretizzarsi. Sarà inoltre introdotto Voice Address, una sorta di assistente vocale che si affiancherà a Google Now. Infine si è parlato anche di Polymer 1.0, uno strumento per lo sviluppo di interfacce.

Per avere le conferme, oltre alle informazioni che vi comunicheremo in questo periodo, bisogna aspettare la data di apertura di Google I/O, il 25 giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *