Dashclock Widget, arriva il material design

Chi è solito utilizzare Dashclock Widget, popolare applicazione presente sul Play Store, avrà sicuramente ricevuto in queste ore un nuovo ed importante aggiornamento: trattasi della versione 1.7, che porta in dote miglioramenti all’interfaccia, adesso conforme con il concetto cardine del material design. Non è certamente una novità dell’ultima ora, giacché l’ultima release dell’estensione di Roman Nurik – sviluppatore ma soprattutto ingegnere Google – era già stata mostrata qualche settimane addietro, sebbene fruibile soltanto tramite apposito .apk. Superata la fase beta, ecco che la versione 1.7 di Dashclock Widget viene caricata sul Play Store e, dunque, pronta ad esser aggiornata da coloro i quali sono soliti utilizzare l’applicativo.

Dashclock Widget

Invero, le modifiche non sono sostanziali ma si limitano ad aggiornare l’interfaccia delle impostazioni del Widget, adesso compatibile con il material design. L’unica aggiunta degna di nota riguarda alcuni miglioramenti alla localizzazione per il meteo ed il supporto alle estensioni hosts di terze parti. Con l’avvento di Android Lollipop, viene tuttavia meno una caratteristica che contraddistingueva la versione precedente dell’applicazione, ossia la possibilità di inserire un Widget nella lock screen, tranne che si cambi l’app di sblocco del device.

Nel caso non conosceste Dashclock Widget – difficile considerata la popolarità dell’estensione, scaricata da “più di 1.000.000 utenti”, come recita il Play Store – si tratta di un Widget orologio per smartphone e Tablet con a bordo versioni Android 4.2 e superiori (le dimensioni dell’applicativo sono di 1.84 megabyte). La peculiarità dell’applicazione è quella di poter essere personalizzata a piacimento grazie ad apposite estensioni, come ad esempio informazioni meteo, sveglia ma anche e-mail, messaggi e chiamate ricevute o prossimi appuntamenti segnati sul calendario. Insomma un’app completa, adesso pienamente conforme con i dettami di Android Lollipop. Vi lasciamo al link di rimando al Play Store per scaricare l’aggiornamento o, perché no, l’applicazione se non l’avete ancora fatto ed avete voglia di provare qualcosa di diverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *