Google Hands Free, pagamenti senza smartphone

Android Pay è stato ufficializzato soltanto qualche giorno addietro, ma il colosso di Mountain View sta lavorando ad un nuovo sistema di pagamenti che promette di esser ancor più immediato: trattasi di Google Hands Free, mostrato brevemente nelle ultime battute del Google I/O 2015 dal vice-presidente ADS & Commerce Sridhar Ramaswamy. Il progetto è slegato dall’utilizzo di qualsiasi dispositivo di sorta (a differenza di Android Pay) e sarà testato nei prossimi anni lungo il territorio di San Francisco, in virtù dell’accordo con alcuni importanti colossi quali McDonald’s e Papa Jonh’s, catena di pizzerie take-away.

google IO 2105

Al fine di mostrare il funzionamento di Google Hands Free, Ramaswamy ha mostrato al pubblico un breve video, nel quale una donna che porta un bambino esclama in fila ad un McDonald di “voler pagare con Google”. Il cassiere completa dunque la transazione, senza l’utilizzo congiunto di alcun dispositivo. Contestualmente all’annuncio, è salito sul palco del Google I/O 2015 il CEO di McDonald, Atif Rafiq, che ha ribadito come Google Hands Free rappresenti “un nuovo livello di convenienza”.

Google non ha ancora ribadito come il sistema di pagamenti verrà messo in pratica, sebbene aziende come PayPal e Square stiano sperimentando i pagamenti “a mani libere” già dal perdurare del 2011. L’espediente più plausibile per capire il corretto funzionamento di Google Hands Free dovrebbe esser la geolocalizzazione, unita ad altri sensori e protocolli di comunicazione presenti sugli smartphone. Il che significa che il servizio di cui trattasi sarà un’applicazione da scaricare sul nostro dispositivo, ed una volta completata la transazione si riceverà una notifica di avvenuto pagamento direttamente sul nostro cellulare. Una idea dunque interessante, in attesa di capire se e quando verrà messa in pratica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *