Root Android VS No Root Android: Quando e Perchè Farlo? Quando No?

Root Android VS No Root Android: Quando e Perchè Farlo! Questa volta ci andiamo ad occupare di una situazione e operazione spesso molto discussa su Android, ovvero il Root.

Prima di approfondire il discorso andiamo a vedere bene cosa intendiamo con il termine: Root Android e poi vedremo quali possono essere i vantaggi e gli svantaggi.

Root Android

Leggi anche => Che cos’è una ROM?

Il termine root deriva dal fatto che Android è basato su Linux e tale termine è utilizzato in questi sistemi per indicare colui che possiede l’account di amministratore (super-user) e quindi significa poter accedere a tutte le parti del sistema che altrimenti non sarebbe possibile controllare. Il problema viene a crearsi perché, in genere, tutti i produttori di cellulari Android tendono a bloccare alcune parti importanti del telefono e rendere accessibili agli utenti sono quelle che, in teoria, non dovrebbero danneggiare il sistema.

Alle volte, come vedremo poi, può succedere di aver bisogno di accedere a queste parti bloccate, anche se bisogna stare attenti perché un uso improprio potrebbe danneggiare irrimediabilmente il vostro smartphone.

Andremo ora ad elencare prima le motivazioni per le quali conviene fare il Root Android:

  • maggiori applicazioni installabili;
  • maggiore personalizzazione del dispositivo, andando a modificare tutte le parti che invece prima erano bloccate (suonerie di avvio, immagini di boot ecc.);
  • prestazioni incrementate andando ad aumentare la velocità del processore, eliminando applicazioni installate di sistema che a noi non servono e altro;
  • aumento delle prestazioni della batteria tramite Undervolting, questa particolare tecnica permette di decidere se abbassare o meno la potenza energetica da fornire al processore, in questo modo si va ad aumentare la durata della batteria in caso fosse necessario;
  • “flashare” Rom personalizzate: questo è forse il punto più importante soprattutto per telefoni usciti da oltre un anno e non top di gamma, in quanto la possibilità di installare Rom personalizzate permette sia di snellire il sistema e favorire la velocità generale del dispositivo, sia di ottenere degli aggiornamenti del sistema operativo di Google in maniera non ufficiale, perché ormai, magari, il produttore ha abbandonato lo sviluppo su quel dispositivo;
  • eseguire backup completi grazie a Titanium Backup;

Bene, dopo averti detto quali sono le principali motivazioni per le quali conviene eseguire il Root Android, andiamo a vedere ora perché potrebbe non convenire ottenere i permessi di root:

  • rischi per la sicurezza: una volta diventati super – user, dovremmo essere noi a filtrare le applicazioni pericolose e decidere quali operazioni sarebbe meglio fare o non fare, in quanto avremo la gestione di tutto il sistema, un utente poco esperto potrebbe creare ingenti danni;
  • termine della garanzia delle produttore, il quale non riconoscerà più il vostro dispositivo in garanzia in caso di problemi;
  • la procedura per ottenere i permessi di root, varia da dispositivo a dispositivo e se per alcuni può essere più semplice, per altri può essere più difficile e creare problemi all’utente poco esperto;
  • mancata ricezione degli aggiornamenti ufficiali: probabilmente una volta fatto il Root Android non riceverete più gli aggiornamenti ufficiali del vostro produttore del telefono, in questo caso dovrete installarli manualmente.

Per approfondire:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *