Samsung Gear: il prossimo modello sarà tondo ed intanto rilascia l’SDK

Samsung Gear: il prossimo modello sarà tondo ed intanto rilascia l’SDK. Continuano a susseguirsi le voci sul nuovo smartwatch di casa Samsung. Dopo la notizia sul deposito del nuovo brevetto, ecco spuntare un’altra indiscrezione: dopo aver chiesto ed ottenuto dagli sviluppatori un accesso all’SDK (Secure Development Kit= ambiente di programmazione), Samsung ha deciso di rilasciare l’SDK ad una cerchia ristretta di sviluppatori, in modo da iniziare a creare nuove app per quello che sarà il nuovo indossabile Samsung. Il programma è denominato Samsung Gear Early Access SDK.

Samsung-Gear-SDK-Early-Access-Program (FILEminimizer)

Chi ha aderito al progetto potrà scaricare la versione 2.3.1 RC7 di Tizen SDK sia per Mac, che per Windows, che per Ubuntu (per gli ultimi due è disponibile la versione sia da 32 che da 64 bit mentre per Mac l’unica disponibile è quella a 32 bit).

Insieme al software l’azienda provvederà a fornire tutte le guide necessarie a familiarizzare con la nuova interfaccia Tizen. Tizen è un sistema operativo open source basato su Linux e sviluppato ad hoc per i dispositivi mobili. Le guide e le documentazioni conterranno esempi di app e forniranno il giusto aiuto ai programmatori.

Ci teniamo inoltre a darvi qualche informazione su quello che sarà il nuovo smartwatch di cui vi stiamo parlando. Il nome in codice è Orbis (ma non è detto che sia il nome con cui verrà commercializzato), come detto prima sarà basato su Tizen come OS, avrà forma circolare con ghiera girevole e display Super AMOLED. Com’è tradizione, Samsung doterà anche il suo indossabile del processore Exynos. Oltre alla connettività Wifi e Bluetooth, si potranno effettuare anche chiamate vocali.

La presenza della ghiera circolare non è un fatto puramente estetico: è stata pensata da Samsung per poter permettere all’utente di controllare meglio il dispositivo (ad esempio, ruotarla per scorrere le voci di un elenco). Per gli sviluppatori che ancora non hanno aderito all’iniziativa citata all’inizio dell’articolo, vi è ancora la possibilità di sottoscriverla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *