Apple Sperimenta Schermi Touch Più Sottili e 3D per rilevare speciali movimenti!

Apple Sperimenta Schermi Touch Più Sottili e 3D per rilevare speciali movimenti! Apple sta cercando di portare sempre più al di là lo sviluppo del suo nuovo metodo di input sensibile alla pressione, chiamato Force Touch.

Infatti l’azienda starebbe sviluppando e sperimentando dei schermi touch più sottili, in grado di percepire alcuni movimenti degli utenti senza toccare il display, ma solo puntando o muovendo le mani di fronte al dispositivo

nuovi schermi touch appleLa società ha presentato istanza per il brevetto di un paio di nuove invenzioni legate ai tocchi sul display, come scoperto da AppleInsider. Il primo, “Touch and Hover Compensation Sensor”, dal titolo descrive come un dispositivo può utilizzare più sensori vicini per rilevare il movimento e i gesti anche se a distanza dallo schermo.

Conosciuti come gesti “hover”, questi movimenti tridimensionali possono aprire modi completamente nuovi per gli tenti di interagire con i dispositivi Apple.

13293-7941-Screen-Shot-2015-06-18-at-23454-PM-l
L’azienda americana mira a ridurre gli errori utilizzando sensori messi uno vicino all’altro: “la compensazione tra i sensori può fornire una miglior tocco sul display e migliore riconoscimento dei gesti hover”, questo si legge su ciò che è stato depositato da Apple!
Inoltre, l’USPTO ha divulgato un secondo deposito per una domanda di brevetto dal titolo “On-Cell Touch Architecture”, che descrive alcune tecnologie per realizzare pannelli touch ancora più sottili su dispositivi come iPhone e iPad.

Anche il secondo deposito fa riferimento ai gesti in 3D che abbiamo citato in precedenza. Nel brevetto proposto, Apple osserva che alcuni sistemi di rilevamento del tocco utilizzano frange di campi elettrici per percepire il tocco (e non solo) sul display: “Oggetti vicini alla superficie dello schermo possono essere rilevati in prossimità di esso, senza in realtà toccare il display”, dice Apple.

13293-7939-Screen-Shot-2015-06-18-at-23931-PM-l

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *