Apple Watch 2, lo schermo sarà di LG Display

Fioccano in rete i primi rumors aventi ad oggetto Apple Watch 2, l’indossabile che il colosso di Cupertino presenterà con ogni probabilità nel perdurare del 2016. Nello specifico, la testata giornalistica coreana MK pone l’accento sulla strategia di Apple di affidarsi ad LG Display (che report recenti additano esser il produttore principale degli schermi OLED sugli smartwatch, tanto da esser implementati nel 68% di indossabili attualmente presenti sul mercato) come patner per il display a tecnologia OLED. Squadra che vince non si cambia, verrebbe da dire, giacchè il connubio Apple – LG Display ha confezionato il pannello attualmente presente su Apple Watch  di prima generazione, impreziosito dalla tecnologia force touch presente, tra gli altri, sui nuovi MacBook.

Apple Watch 2

La fonte rivela che Apple avrebbe ponderato la possibilità di affidarsi a più produttori (un discorso affine, ad esempio, con il processore degli iPhone, là dove il nuovo chipset A9 sembra verrà prodotto promiscuamente da Samsung e TSMC), sterzando poi verso la strada più consolidata e già battuta in questi mesi. Una scelta che invero non sorprende, alla luce di quanto chiaccherato in apertura: se la filosofia di Apple è sempre stata quella di affidarsi a più fornitori per la produzione dei vari componenti – così da migliorare i tempi di produzione ed evitare l’imponderabile legato a ritardi – sul fronte schermi non v’è dubbio che LG Display rappresenti la scelta più congeniale per il nuovo Apple Watch 2, affermazione suffragata dai dati di cui si è fatto prima accenno.

In attesa dunque di Apple Watch 2 ed in particolar modo di quelle che saranno le novità che saprà portare in dote, vale la pena proiettarci sul presente, giacchè l’indossabile a firma Apple di prima generazione – presentato lo scorso Settembre a fianco di iPhone 6 e iPhone 6 Plus – approderà ufficialmente sul belpaese nella data del 26 Giugno. Un occasione propizia per toccare con mano lo smartwatch realizzato da Apple e capire quale sarà la risposta degli utenti italiani ad un settore sempre più in auge.

FONTE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *