Privacy WhatsApp: dati a rischio?

La privacy WhatsApp sarebbe un vero e proprio colabrodo. Ad annunciarlo è una ricerca di Eletronic Frontier Foundation che ha analizzato la protezione dei dati garantite dai grandi colossi di internet. I risultati sono contrastanti: buoni i risultati di Apple, Yahoo ed Adobe mentre in una posizione intermedia si colloca Microsoft, il social Twitter e Google. Molto male la piattaforma di messaggistica più utilizzata nel nostro paese.

privacy whatsapp

Problematiche importanti quindi quelle rilevate dagli esperti nella privacy WhatsApp con dati allarmanti per i tanti utenti che usufruisco dell’applicazione di messaggistica controllata da Facebook. Sono cinque criteri che sono stai utilizzati per classificare la sicurezza dei dati e quindi sulla privacy della maggiori compagnia mondiali. Dei cinque parametri da rispettare, WhatsApp non ne rispetta nemmeno uno, un risultato che ha fatto letteralmente sobbalzare alcuni iscritti.

Se la privacy WhatsApp lascia a desiderare su tutti i fronti criticità relative all’informazione preventiva agli utenti per quanto riguarda le richieste di rimozione e di acquisizione delle autorità in Twitter mentre Google, oltre al punto precedentemente descritto, “cade” anche sui tempi di conservazione dei dati degli utenti. Non ottimali i risultati di Verizon che soddisfa solo uno dei criteri. Ma la peggiore, come detto, è WhatsApp, per la bocciatura è senza possibilità di appello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *