Sim Card intestate a clienti ignari: multa da mezzo milione per i rivenditori

Intestare una SIM Card a dei clienti ignari è una pratica del tutto illegale, ma molto diffusa nel nostro paese. Nuove sanzioni sono state combinate ai gestori che effettuavano questo tipo di operazione dalla Guardia di Finanza in collaborazione con il Garante della Privacy. Sono 142 gli utenti che si sono visti intestare una scheda SIM da parte dei dealers che hanno proceduto all’intestazione senza nessun tipo di permesso dagli utenti ed omettendo di trasmettere le informazione agli intestatari della scheda.

sim card

Le SIM Card intercettate dagli agenti erano utilizzate anche per pratiche del tutto illegali e collegate ad una fitta rete di criminalità organizzata. Ai dealers è stata contestata una violazione amministrativa per aver omesso di comunicare agli utenti le regole riguardo il trattamenti dei dati personali.

Le indagini a tutela del cittadino condotte dalle Forze dell’Ordine hanno acclarato che sebbene alcuni utenti avessero formalmente delle SIM Card intestate, in realtà non esisteva nessun tipo di documento allegato al momento dell’attivazione della scheda (fotocopia della carta di identità o patente di guida).

Eppure una precisa regolamentazione, introdotta dal Garante della Privacy nel 2006, aveva richiesto esplicitamente alle compagnie telefoniche un sistema di controllo più rigoroso sui documenti da presentare al momento dell’attivazione della carta contrastando in maniera netta le intestazioni di più schede telefoniche ad un’unica persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *