Smartphone Motorola con batteria da 4200 mAh?

In ossequio al lavoro orchestrato con Droid Turbo (la cui commercializzazione resta però relegata al mercato statunitense, poichè legato all’operatore telefonico Verizon), anche quest’anno potrebbe esser la volta di un nuovo smartphone Motorola impreziosito da una autonomia record. Rumors dell’ultima ora parlerebbero di una batteria da ben 4.200 mAh inserita dentro la scocca del misterioso device (comunque di fascia alta, considerati i primi accenni alle caratteristiche hardware) e ben superiore rispetto al sopra menzionato device (divenuto poi Motorola Moto Maxx, mera esclusiva in Brasile ed inserita recentemente all’interno del portfolio del noto e-commerce Gli Stockisti), ferma ai “soli” 3.900 mAh.

smartphone Motorola

A questo punto vedrebbe da chiedersi se lo smartphone Motorola di cui trattasi (potrebbe anche esser il fisiologico successore di Droid Turbo) verrà smerciato anche in Europa, considerato ciò che potrebbe offrire non soltanto in termini di autonomia (e qui la batteria da 4.200 mAh sarebbe un biglietto da visita niente male) ma anche di features hardware. Le indiscrezioni trapelate in rete inseriscono all’interno del device tutti quelli che sono i componenti più in voga degli smartphone rilasciati sul mercato, come HTC One M9 e LG G Flex 2, tanto per citarne qualcuno.

In particolare, processore Qualcomm Snapdragon 810, corroborato da 3 gigabyte di RAM ed impreziosito da una fotocamera da 16.1 megapixel per quanto concerne la parte posteriore, mentre quella frontale dovrebbe “fermarsi” a 5 megapixel. Scontata la presenza di un nuovo design, così come la risoluzione QHD (2560×1440 pixel) del display, sebbene la dimensione di quest’ultimo non sia ancora nota. Da valutare lo storage a disposizione, sebbene non dovrebbero esserci dubbio circa l’espansione tramite microSD. Certa invece la presenza di Android Lollipop 5.1 così come di una ricarica rapida ancor più prestante rispetto a quella già ammirata nei Droid Turbo e Motorola Nexus 6. Insomma, tanti aspetti positivi, in attesa di conoscere quelle che saranno le politiche di commercializzazione del device, la cui esistenza è invero tutta da verificare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *