Vendite Apple: nessun rialzo dopo l’uscita di iPhone 6S

Vendite Apple: nel Q4 del 2015 (OTT, NOV, DIC), periodo successivo all’uscita di iPhone 6S, non è previsto nessun aumento significativo di pezzi venduti.

Secondo la compagnia finanziaria Wells Fargo, sarebbe la prima volta che Apple non vende un numero maggiore di smartphones in seguito al lancio di un nuovo iPhone, rapportato allo stesso periodo dell’anno precedente.

vendite apple

Vendite Apple ormai stabili: esauriti i possibili mercati di espansione. Il motivo di questa “linea piatta”, difficilmente destinata a conoscere rialzi considerevoli, è dato dal fatto che Apple ha sottoscritto una partnership con il 95% del mercato dello smartphone, stimato in 414 compagnie di vendita. L’azienda della mela avrebbe dunque esaurito gli spazi verso cui espandersi e sarebbe destinata a vendere circa lo stesso numero di iPhones da qui agli anni a venire.

Negli scorsi anni, il mercato di Apple si è sempre e costantemente espanso verso nuovi paesi e verso i più disparati partner di vendite, riuscendo ad aumentare sempre più il numero di iPhones venduti. L’ultima in ordine cronologico è l’espansione di quest’anno nel mercato Cinese, che ha consentito la vendita di 61.2 milioni di pezzi durante il solo Q1 2015 (GEN, FEB, MAR).

Il successo di iPhone, pur non essendo apparentemente destinato ad aumentare in maniera significativa, non è destinato neanche a diminuire, in ragione dell’enorme margine di profitto che Apple crea costantemente ogni anno. Vedremo se con il lancio di iPhone 6S, stimato per il 25 Settembre (con prevendite già a partire dal 18 dello stesso mese), queste previsioni saranno rispettate.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *