Cyanogen lavora ad un alternativa ad Android

Cyanogen ha assunto degli ingenieri senior per costruire la sua piattaforma alternativa ad Android

cyanogen gesture shortucts

Cyanogen ha assunto due nuovi ingegneri, uno provenienete da Amazon, e uno proveniente dall’azienda Qualcomm, continuando cosi il suo lavoro al suo sostituto di Android che l’azienda sta sviluppando. L’ex ingegnere di Amazon Stephen Lawler, ha trascorso 15 anni in Microsoft, dove ha lavorato su Bing. Nella posizione che assumerà in Cyanogen sarà delegato alla progettazione Globale.

a Cyanogen si unirà anche Karthick Iyer, il nuovo vicepresidente dei sistemi globali. Iyer arriva nell’azienda dopo aver trascorso 18 anni alla produzione di chip per Qualcomm. Di recente ha lavorato con l’interazione dei processori con il sistema operativo Android. Il CEO DI Cyanogen Kirt McMaster ha dichiarato che con la sua presenza, anche altri produttori saranno d’accordo a dare un’occhiata alla loro alternativa ad Android. McMaster, inoltre, si sente felice del progetto e molto carico per i nuovi acquisti nel suo team.

“Our focus continues to be evolving the Android platform and driving innovation in mobile computing. Signals, services and systems are at the heart of building an evolved computing platform. Both Lawler and Iyer respectively are world class leaders in these areas, each having scaled some of the most successful computing and services platforms. Lawler brings a wealth of technical leadership in mobile, mapping, location, search, and cloud services. Iyer has deep expertise in end-to-end Android development. Both understand how to optimally scale engineering organizations.”-Kirt McMaster, CEO, Cyanogen

Queste le parole del CEO che ha confermato la loro voglia di essere leader nel mobile computing e che riusciranno a migliorare i loro risultati con l’ausilio di quesi due nuovi ingegneri, il primo molto abile nei motori di ricerca, nel servizi cloud, e in tanti altri. Mentre il secondo è da tempo responsabile degli approcci dei processori sui sistemi Android.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *