Esperimento di Scienze: un iPhone 6 resisterà all’attacco di un materiale chiamato Gallio?

Esperimento di Scienze: un iPhone 6 resisterà all’attacco di un materiale chiamato Gallio? Eccoci in aula ragazzi e, come fanno i nostri colleghi di PhoneArena, anche noi ci scherziamo su e vi invitiamo a questa lezione di scienze con al centro proprio l’iPhone 6.

Oltre al device di Apple, sarà protagonista della “lezione” anche il Gallio, il quale è un elemento chimico con numero atomico 31 che può danneggiare gravemente l’iPhone 6, come? Vediamolo insieme.

Il Gallio è un normale materiale composto che viene utilizzato in elettronica, anche se, esso va ad attaccare altri metalli come l’alluminio. Quindi, se si dovesse versare (ad esempio) 500 grammi di gallio sul retro in alluminio di un iPhone 6 di Apple la situazione sarebbe molto grave. Gravità che andrebbe a crescere se, soprattutto, si lasciasse penetrare il materiale per tutta la notte; questo esperimento sarà alquanto doloroso per il melafonino, perchè si potrebbe non riconoscere il dispositivo entro la mattina successiva.

Questo è esattamente ciò che è stato fatto ad un iPhone 6 nel video qui sotto, le immagini sono eloquenti e testimoniano il lavoro di “erosione” fatto dal Gallio, infatti la parte posteriore del telefono è stata raschiata fino al punto in cui l’elemento è penetrato nel dispositivo, mentre le porte e i connettori erano state preventivamente sigilliate in qualche modo per vedere se il telefono avrebbe avuto la forza di accendersi e di funzionare la mattina dopo.

Com’è andata a finire? Beh il giorno dopo il dispositivo a malapena sembrava un iPhone 6, anche se in un primo momento ha funzionato ancora ma a mano a mano i pezzi del telefono sono caduti tutto a causa dell’erosione troppo elevata del Gallio! Insomma lezione conclusa e non riprovateci a casa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *