Mark Zuckerberg: il futuro della tecnologia è la telepatia

In futuro, forse, non avremo più bisogno di computer e cellulari: sarà il nostro cervello il dispositivo più utile e potente in assoluto. Questo è anche il pensiero di Mark Zuckerberg, che indica come sarà possibile utilizzare la nostra mente per comunicare, invece che il telefono oppure la rete internet.

Mark Zuckerberg

In una recentissima sessione di domande e risposte l’inventore di Facebook ha specificato come non crede che sarà necessario, tra qualche anno, avere un dispositivo esterno per inviare i nostri pensieri. Infatti, Mark Zuckerberg ha aggiunto come saremo tutti in grado di comunicare telepaticamente con i nostri amici, che potranno immediatamente cogliere i nostri pensieri e fare l’esperienza che stiamo loro inviando.

Ma sono stati fatti passi avanti in merito? Gli scienziati hanno più volte mappato il funzionamento del nostro cervello, capendo come esso si comporta a seconda delle esperienze e degli stimoli. E sembra che, soprattutto osservando le TAC, sia possibile “leggere” ciò che la nostra mente vuole esprimere, almeno in modo grossolano.

Allo stesso modo, di recente gli scienziati hanno cercato di indurre particolari pensieri nella mente delle persone esaminate, tramite una stimolazione magnetica esterna, che è stata in grado di influenzare in qualche modo le risposte cerebrali di chi si è sottoposto all’esperimento.

Sembra che anche negli uffici di Facebook si stia lavorando allo scopo di applicare le tecnologie legate al pensiero all’utilizzo dei social network, ma di questo si sa ancora veramente poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *