Processore OnePlus 2: forse Snapdragon 810 downloccato

Non c’è oramai alcun mistero circa le specifiche tecniche del nuovo smartphone a firma OnePlus, la cui presentazione ufficiale è attesa per la giornata di Lunedì 27 Luglio. Nel novero delle componentistiche svelate in anteprima dalla giovane start-up troviamo infatti il processore OnePlus 2, lo Snapdragon 810, chiaccherato e criticato per via dell’eccessivo calore promanato dal nuovo chipset di Qualcomm a 64bit, che ha mietuto diverse “vittime” in questa metà 2015. Il brand cinese ha più volte ribadito che il nuovo OnePlus 2 non soffrirà di problemi di surriscaldamento, tracciando la strada verso la soluzione di uno dei problemi più discussi in rete e circoscritti alla presenza dello Snapdragon 810.

Processore OnePlus 2

Come OnePlus riuscirà a tale scopo è ancora incerto, sebbene alcuni rumors dell’ultima ora hanno abbozzato quel che dovrebbe esser la soluzione del problema: sembra infatti che il processore OnePlus 2 sia downlockato, così da ridurre l’impatto termico e, di conseguenza, la promamazione eccessiva del calore dispensata dalla CPU. A sostegno di questa teoria sono alcuni benchmark apparsi in rete, secondo cui i valori registrati dal nuovo smartphone a firma OnePlus – in termini di mera “forza bruta” – sono di gran lunga inferiori rispetto a tutti i competitors con a bordo lo Snapdragon 810.

Anzi, numeri alla mano, sembrerebbe che il processore OnePlus 2 faccia registrare valori del tutto comparabili alle soluzioni più corroborate di Qualcomm, come lo Snapdragon 801 equipaggiato sul vecchio OnePlus One. La sfida tra il vecchio ed il nuovo che avanza si conclude dunque con un sostanziale pareggio, che consentirà all’ultimo smartphone in ordine cronologico del brand cinese di ridurre, a scapito della potenza, l’eccessivo calore generato dallo Snapdragon 810. Sarà questa la strada giusta per ovviare al problema? Sembrerebbe di sì, ricordando comunque che, sebbene inferiori ai competitor con lo Snapdragon 810 a pieno regime, i benchmark lasciano il tempo che trovano e dovranno verosimilmente esser suffragati dalla mera quotidianità.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *