Kirin 950 VS Exynos 7420, Benchmark premiano il primo

Kirin 950 VS Exynos 7420, una sfida che s’infiamma nel corso di queste ore in virtù dei primi benchmarks apparsi in rete. L’oramai prossimo processore di Huawei (forse presente su Mate 7S, come abbiamo riportato in queste ore) va dunque a scontrarsi con la soluzione più corroborata ed al tempo stesso performante presente sul mercato, quell’Exynos di Samsung che ha fatto parlar di sè a Marzo in occasione della presentazione dei nuovi Galaxy S6 e confermato, alla luce dell’affidabilità e del recente processo produttivo FinFET 14nm – anche per i nuovi S6 EDGE Plus e Note 5.

Kirin 950 VS Exynos 7420

 

Entrambi octa-core e conformi al nuovo standard di RAM LPDDR4, il chipset di Huawei è composto da quattro core Cortex-A53 a risparmio energetico e da altri quattro più prestanti core Cortex-A72, in grado di assicurare, di concerto con il processo produttivo FinFET 16nm e dalla nuova nonchè potente GPU Mali-T880 prestazioni senza compromessi. Ma per approfondire la bontà del lavoro orchestrato dal brand cinese sono stati avviati alcuni benchmark a mezzo GeekBench che mettono in paragone Kirin 950 VS Exynos 7420, il nuovo e l’affidabile se proprio dovessimo azzardare alcuni appellativi.

I risultati parametrati dalla famosa piattaforma sono presto detti e tali da tracciare ottimi scores sia in single-core che in multi-core per il nuovo processore di Huawei. La differenza è sostanziale (1909 è il punteggio rientrante nella prima sopra menzionata categoria, addirittura 6096 per la seconda, contro i 1480 e circa 5000 incassati dall’Exynos di Samsung) e, risultati alla mano, Kirin 950 si staglia come il chipset più potente se rapportato con le soluzioni già in commercio. Naturalmente trattasi di numeri spiccioli che vanno ben oltre l’esperienza d’uso quotidiana, vero parametro principe per valutare l’affidabilità di un determinato terminale, ma va da sè che i risultati registrati da Kirin 950 promettono sicuramente ottimi riscontri per quel che concerne la mera “forza bruta” dei prossimi smartphone del brand cinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *