Nexus 5 2015, novità speaker frontali e conferme su USB Type-C

L’approdo sul mercato di Nexus 5 2015 – la cui realizzazione dovrebbe esser affidata ancora ad LG – non ha mai lasciato trasparire margini d’incertezza, dal momento che le indiscrezioni snocciolate lungo il corso di questi mesi paiono concordi su questa eventualità. L’azienda coreana, apprezzata per il lavoro orchestrato con Nexus 4 e Nexus 5, dovrebbe dunque far coppia con Huawei per la messa a punto dei nuovi dispositivi impreziositi dall’esclusiva e tipica esperienza Pure Google. Una declinazione quindi al plurale rispetto alle strategie abbozzate in questi anni, considerato che i nuovi Nexus attesi per Ottobre continueranno ad esser sempre due, ma stavolta entrambi appartenenti alla categoria smartphone e non anche tablet.

nexus 5 2015

Dando credito alle indiscrezioni, peraltro affidabili se rapportate con quanto riportato in passato, il Nexus 5 2015 di LG dovrebbe esser considerato come una versione meno prestante rispetto all’altrettanto dispositivo realizzato da Huawei, presumibilmente il top di gamma della nuova serie. Le principali differenze dovrebbero infatti tradursi nell’impiego di due diversi processori appartenenti alla gamma Qualcomm (Snapdragon 808 per Nexus 5 2015, Snapdragon 810 per il Nexus del brand cinese), oltre che in una ampiezza diversa per quanto concerne il display (5.2″ pollici lo smartphone di LG, generoso 5.7″ pollici per quello di Huawei).

Un recente tweet di @onLeaks ha fatto il punto circa le affinità salienti dei due nuovi dispositivi a firma Nexus, ponendo altresì l’accento sulle discrepanze tra i due terminali. In primo luogo, le dimensioni di Nexus 5 2015 dovrebbero esser di 146.9 x 72.9 x 8/9.8mm di spessore, dunque più contenute rispetto alla controparte di Huawei qualificabile come phablet (159.4×78.3×6.6/8.5mm). Entrambi condivideranno tuttavia una piattaforma comune, strutturata in parte da alcune caratteristiche estetiche – tra tutte, speaker frontali ed utilizzo di materiali nobili quali metallo – ed altre ascrivibili alle novità portate in dote da Android M, peraltro installato di default su i due smartphone: USB Type-C (inaugurata per la prima volta su di uno smartphone da OnePlus 2) e lettore d’impronte digitali, in ossequio al nuovo sistema di pagamenti Android Pay atteso in via contestuale con Nexus 5 2015 ed il Nexus di Huawei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *