Qualcomm presenta la GPU Adreno 530 con lo Snapdragon 820!

Presentato un po’ in sordina a Los Angeles, Qualcomm presente la GPU Adreno 530 ovvero al scheda grafica che verrà affiancata allo Snpadragon 820. Anche la CPU non ha visto ancora la luce ma l’azienda ha confermato più volte la sua presenza e durante la presentazione odierna il SoC utilizzato per spiegare il tutto è stato proprio lo Snapdragon 820.

id452666_1

Il nuovo processore di punta che prenderà il posto dello Snapdragon 810 e della GPU Adredno 430 hanno stupito tutti per prestazioni e consumi. In un periodo in cui Qualcomm non se la passa proprio bene, una nuova ventata di entrate economiche possono essere garantite grazie alla nuova accoppiata di CPU+GPU Qualcomm. Si vocifera infatti che numerosi top di gamma del 2016 tra cui il nuovo Nexus monteranno proprio questo processore e quindi questa scheda grafica. Non ha caso l’azienda ha presentato in questo periodo l’hardware che monteranno i futuri dispositivi. Ma andiamo ad analizzzare più a fondo il tutto.

Alla potenza pura di calcolo della CPU attesa, ma ancora ufficiosa, si affiancherà quindi una GPU di nuova generazione per risultati inediti e senza compromessi:

  • scatti fotografici sempre a fuoco (con possibilità di regolazione successiva),
  • colori estremamente naturali,
  • grande qualità di riproduzione nel gaming,
  • interazione più fluida con la UI e supporto garantito per realtà aumentata/virtuale.

Scendendo nei particolari di questa GPU Adreno 530, il meglio del meglio per questa famiglia, ci si aspettano miglioramenti delle performance del 40% rispetto alla A430 grazie anche ai cambiamenti dell’architettura. Supporto alle ultime API garantito così come una migliore efficienza energetica con risparmi anche qui del 40% (rispetto alla A430), stime addirittura conservative secondo lo stesso Leland.

La GPU Adreno 530 supporterà tutte le ultime librerie grafiche OpenGL ES 3.1+AEP, Renderscript, OpenCL 2.0 e Vulkan. Il SoC Snapdragon 820 darà maggior rilievo al modulo Spectra ISP, così che potrà gestire fino a tre sensori fotografici contemporaneamente: un paio ‘stereo’ posteriori ognuna da 13Mp ed una frontale. In alternativa, i produttori potranno optare fino a sensori singoli da 25Mp che scattano a 30fps.

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *