Windows 10 PC può disabilitare videogiochi pirata | Agg.

Dall’avvento di Windows 10 su tutti i PC, precisamente dal 29 Luglio, Microsoft ha fissato diversi paletti o meglio dire diverse features molto innovative e soprattutto importanti: a quanto sembra la casa di Redmond ha implementato nel suo sistema operativo un meccanismo che blocca i giochi pirata scaricati e installati dall’utente.

Windows 10

Questa nuova conferma ci arriva da un recente aggiornamento del contratto di licenza dei consumatori finali (EULA o End User License Agreement) e precisamente nel punto 7b del suddetto documento; è possibile affermare che Microsoft ha implementato in Windows 10 un sistema che permette allo stesso SO di disabilitare o aggiornare un titolo pirata e di renderlo inutilizzabile al consumatore finale.

Questo vuol dire che Windows 10 può autonomamente aggiornare quei file che sono stati modificati dagli hacker o aggiornare l’intero titolo per renderlo inutilizzabile al consumatore finale che ha effettuato un operazione illecita. Inoltre questo vale per tutte le applicazioni o i giochi che sono presenti nel Windows Store di Windows 10. Purtroppo questo sistema di prevenzione non è ancora attivo e quindi si dovrà aspettare. Ecco il punto 7b del contratto EULA:

“Sometimes you’ll need software updates to keep using the Services. We may automatically check your version of the software and download software updates or configuration changes, including those that prevent you from accessing the Services, playing counterfeit games, or using unauthorized hardware peripheral devices. You may also be required to update the software to continue using the Services.”


Update: Stando ad un aggiornamento che arriva direttamente da Microsoft l’aggiornamento del contratto EULA di Windows 10 espone che in futuro ci sarà un progetto che permette di prevenire questi illeciti e non di monitorare o disabilitare un titolo o un applicazione. Ovviamente questa mossa lascia delle perplessità in quanto bisogna capire come Microsoft riesca ad effettuare tutto questo e quali saranno i titoli coinvolti. Seguiranno aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *