CPU iPhone 6S è un Dual-Core a 1.8Ghz, secondo TENAA

La CPU iPhone 6S e 6S Plus è un dual-core con frequenza di clock ad 1.8Ghz. A fugare qualsiasi dubbio è l’ente cinese TENAA – l’equivalente della ben più nota e quotata FCC americana – che ha certificato i due nuovi smartphone di Apple, attesi il 25 Settembre prossimo relativamente ai paesi rientranti nella cosiddetta “prima fascia”. Non che le specifiche hardware di iPhone 6S siano avvolte nel mistero, ma la puntualizzazione offerta dalla sopra citata agenzia di regolamentazione ci permette di accoppiare i primi dati snocciolati dal colosso di Cupertino per quel che riguarda il nuovo A9 con architettura di livello desktop a 64bit, considerato ufficialmente fino al 70% più prestante rispetto ai socket realizzati in precedenza.

CPU iPhone 6S

La certificazione TENAA pone altresì l’accento sul quantitativo di RAM impiegato dentro i nuovi smartphone, informazione invero non specificata da Apple in occasione del Keynote del 9 Settembre scorso: la CPU iPhone 6S e 6S Plus è infatti affiancata da 2 gigabyte di memoria ad accesso casuale, uno standard oramai divenuto consuetudine se rapportato a tutti gli altri più recenti prodotti contenuti nel portfolio di Apple (iPad Air 2, iPad Mini 4, Apple TV).

Il resto delle specifiche tecniche di iPhone 6S e 6S Plus sono invece note: display con supporto al 3D Touch rispettivamente da 4.7″ e 5.5″ pollici Retina HD, con differenze relativamente alla risoluzione ed alla densità di pixel per pollice (1334 x 750 pixel per il primo, 1920 x 1080 pixel, dunque Full HD, per il phablet) e fotocamere da 12 megapixel (stabilizzata otticamente sul 6S Plus).

Esteticamente iPhone 6S è 0.2 millimetri più spesso rispetto al modello di generazione precedente, dato che è in raccordo con l’aumento del peso di 12 grammi a causa dell’impiego dell’alluminio 7000 (più resistente, con buona pace del fenomeno bendgate) e del 3D Touch. Le specifiche le abbiamo insomma oramai imparate a memoria, e adesso occorrerà attender il debutto ufficiale, che in Italia potrebbe avvenire forse il prossimo 2 Ottobre se le indiscrezioni circolate in rete trovassero conferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *