iPhone 6S touch 3D: funzionerà anche con le pellicole protettive

iPhone 6S touch 3D: funzionerà anche con le pellicole protettive. Scopri le novità dal mondo Apple su MobileOs.it

iphone-6s-touch-3d

I nuovissimi smartphone firmati Apple, ossia l’iPhone 6S e l’iPhone 6S Plus, sono entrati a far parte delle case di moltissimi di noi che, soddisfatti del loro acquisto, stanno sfruttando quanto più possibile le funzionalità dei device.

Tra le particolarità di questi nuovi smartphone non possiamo che trovare il Touch 3D, una nuova tecnologia che permette di riconoscere la pressione del dito sul display che permetterà all’utente di interagire con l’interfaccia di sistema.

L’iPhone 6S touch 3D si attiva grazie a dei sensori capacitivi che riescono a misurare la distanza che intercorre tra il vetro del display e il pannello dove è posta la retroilluminazione. Con la nuova tecnologia Apple le informazioni ottenute da iOs serviranno a rispondere alla pressione esercitata nello schermo dal dito dell’utente.

Ma utilizzando le pellicole protettive si rischia forse che questa tecnologia perda le proprie incredibili performance? Secondo il portavoce dell’azienda, Phil Schiller, le pellicole che saranno state realizzate seguendo le linee guida dettate da Apple permetteranno la perfetta fruizione dell’iPhone 6S touch 3D.

Le linee guida pubblicate dall’azienda dalla mela morsicata avrebbero spiegato come la pellicola protettiva degli smartphone, per permettere la conduzione elettrica e, quindi, per garantire la perfetta funzionalità del touch 3D, deve riportare determinate caratteristiche come, ad esempio, lo spessore, che non deve superare gli 0,3 millimetri di spessore.

Non solo: le direttive aziendali hanno spiegato come sia necessario che non si formino bolle d’aria durante applicazione della pellicola stessa, altrimenti le performance del touchscreen verranno compromesse dai vuoti d’aria.

Di sicuro si tratta di una notizia che renderà felici moltissimi proprietari degli iPhone 6S e iPhone 6S Plus. Quali altre novità ci aspetteranno nei prossimi mesi? Non ci rimane che attendere i prossimi giorni per scoprirlo.

Stay Tuned.

fonte: Macrumors

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *