iPhone 7, primi rumors sul chip A10 basato su tecnologia FinFET 16nm

I nuovi iPhone 6S e 6S Plus non sono ancora approdati sul mercato – Apple ha, come da programma, attivato due giorni addietro i pre-ordini relativamente ai paesi rientranti nella prima fascia – eppure c’è già chi guarda oltre e si proietta verso il nuovo iPhone 7, che oltre a rilevare gran parte della scheda tecnica degli attuali smartphone top di gamma, dovrebbe mettere in mostra un aspetto estetico maggiormente rinnovato.

iPhone 7

Nello specifico, l’attenzione sarebbe incanalata verso il processore Apple A10, sul quale sembra già essere al lavoro la Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC); la produzione del nuovo chipset a 64bit, che a detta di DigiTimes sarà costruito con tecnologia FinFET 16 nanometri, si intensificherà tuttavia soltanto a Marzo del 2016, a sei mesi di distanza dal debutto di iPhone 7.

Le informazioni – invero ancora poche – sono da prendere con il beneficio del dubbio, dal momento che si è riportato qualche mese addietro che l’azienda taiwanese sia al lavoro su nuovi processori realizzati con processo di produzione a 10 nanometri, così da sbaragliare Samsung nella lotta alla costruzione del nuovo processore di iPhone 7. Non possiamo dunque escludere che il chip A10 possa in realtà essere impreziosito da tale dato, così come non sarebbe infondata la notizia di un subentro del colosso coreano nella sua produzione.

In fondo la situazione non è dissimile rispetto a quanto già visto in occasione dell’attuale A9, del quale inizialmente TSMC si era fregiata del titolo di unico produttore incaricato da Apple, salvo poi scoprire che l’azienda taiwanese aveva poi diviso in parti uguali con Samsung il quantitativo di ordini nella realizzazione del processore di iPhone 6S e 6S Plus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *