Uber lancia UberCommute per il carpooling

Uber lancia UberCommute: il nuovo servizio di carpooling tutto made in Uber che permetterà a chiunque di poter condividere un viaggio e, perchè no, risparmiare del denaro ed inquinare meno l’ambiente, nonchè affollare in modo molto più limitato le strade.

uber

Uber, con il suo nuovo servizio UberCommute, metterà a disposizione degli utenti un’applicazione a cui gli automobilisti che vorranno offrire trasporto potranno accedere, e contestualmente, inserire la destinazione del un proprio viaggio. Dall’altra parte, ci saranno persone che invece richiedono trasporto, pertanto inseriranno nell’applicazione la loro destinazione desiderata.
A questo punto UberCommute confronterà tutte le destinazioni inserite (di chi vuole fornire trasporto e di chi lo cerca) in modo da abbinare entrambe le categorie di utenti nel modo migliore possibile (per orari e posizioni).
Effettivamente, l’esperienza di chi cerca un passaggio può essere paragonata a quella di un cliente che richiede un auto privata con l’usuale servizio che Uber fornisce e per cui è stato fondato.

Al momento, il servizio UberCommute sarà lanciato esclusivamente nella città di Chengdu, in Cina, che risulta essere il più grande mercato unico della società. Uber ha dichiarato che, comunque, ha la volontà di estendere il servizio a tutte le città del mondo.
Così facendo, Uber, con il suo UberCommute, intende dare del filo da torcere alla società Didi Kuaidi, una realtà locale che offre servizi di trasporto su richiesta e che, ad oggi, è molto affermata nella zona cinese.

Uber stessa, nel suo blog ha così commentato a proposito del suo nuovo servizio:

When people can push a button and get a ride in minutes they are less likely to drive themselves — so instead of thirty people using their own cars, you have one car serving them all.  But that is just the start — passengers wanting to get to the exact same place at the exact same time.  With services like uberCOMMUTE and uberPOOL we’re making it possible for them to share the ride.

Che potremmo così tradurre:

Quanto le persone possono spingere un tasto ed ottenere un passaggio in pochi minuti, probabilmente saranno meno propensi a guidare essi stessi — pertanto, invece di 30 persone che utilizzano ognuno la propria auto, si avrà una sola auto che soddisferà tutti. Ma questo è solo l’inizio — i passeggeri vogliono arrivare nell’esatto luogo in cui vogliono e nello stesso momento. Con servizi come UberCommute e UberPool stiamo permettendo loro di condividere il viaggio.

Come si può notare il funzionamento del servizio UberCommute è molto semplice e, onestamente, è qualcosa di già visto. Tuttavia Uber gode di ottima popolarità e doti di marketing non da meno. Pensiamo quindi che questo prodotto abbia tutte le carte in regola per spopolare, se non altro in alcune zone del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *