Batterie smartphone: tutto quello che dovreste sapere

Sebbene negli ultimi anni le varie ricerche tecnologiche abbiano consentito di modificare le caratteristiche delle batterie smartphone, ci ostiniamo ancor oggi a seguire vecchie raccomandazioni, che oramai hanno solo le sembianze di credenze popolari e vecchi miti da seguire.

batterie smartphone

L’intento di questo articolo è quello di sfatare certi miti: qui troverete tutto ciò che dovete sapere sulle batterie smartphone.Per prima cosa non credete a chi vi dice che per caricare una batteria bisogna prima attendere che sia scarica completamente.

Falso. Ora le batterie smartphone sono agli ioni di litio, e funzionano a “cicli di ricarica”. Questo vuol dire che ogni ciclo è pari al 100% della capacità di ricarica: noi però potremmo decidere di usarne solo il 70% e poi ricaricare nuovamente e cosi via.

Altro mito da sfatare: caricare la batteria per tutta la notte non ne limita l’autonomia a lungo termine. Le batterie smartphone di una volta, se caricate per molto tempo, tendevano a surriscaldarsi e questo comportava dei problemi a lungo andare. Oggi non è più cosi: batterie e carica batterie sono realizzati in modo intelligente, cioè sono in grado di gestire la ricarica.

E ancora: non è vero che le app consumano batteria dal momento che, una volta abbandonate, si congelano, e non richiedono alcuna risorsa; non bisogna usare solo batterie originali; e non è necessario disattivare Bluetooth e WiFi per risparmiare batteria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *