Play Store Android 6: Con Marshmallow useremo il sensore di impronte per gli acquisti!

Play Store Android 6: Con Marshmallow useremo il sensore di impronte per gli acquisti! E’ ufficiale, grazie alla supporto nativo al riconoscimento delle impronte digitali, con Android 6.0 Marshmallow useremo il sensore di impronte per comprare sul Play Store al posto della classica password!

Infatti, proprio con il nuovo aggiornamento del Play Store, verrà inserito il supporto all’autenticazione tramite sensore d’impronte digitali.

Play Store Android 6 Sensore di impronte per comprare sul Play Store

 

Una tecnologia lanciata da Apple con iPhone 5s e successivamente implementata su numerosi device in commercio che sta avendo un seguito pazzesco. Molte sono le comodità a seconda di come questa tecnologia viene gestita dagli sviluppatori: notiamo lati estremamente positivi quando si parla di sicurezza e, come in questo caso, quando si parla di velocità e comodità nell’eseguire azioni che altrimenti ci porterebbero via molto più tempo.

E’ il caso dell’inserimento della password relativa al nostro account al momento dell’acquisto di una app sul marketplace di Google. Google stessa che aveva già annunciato che con la nuova versione di Android i dispositivi dotati di sensore di impronte sarebbero stati supportati maggiormente, introducendo un supporto nativo sia nel sistema, sia in alcune app fondamentali.

Stranamente la funzionalità di utilizzo del sensore di impronte per comprare sul Play Store Android 6 non è attivata di default sui dispositivi che ne sono dotati. Per renderla disponibile dovrete essere in possesso, oltre che di un device con il sensore, anche della versione 6.0 di Android e attivare l’autenticazione tramite impronta nel menu User Controls nelle impostazioni del Play Store.

Usare il sensore di impronte per comprare sul Play Store Android 6 sarà sempre un vantaggio?
In quanto a comodità sicuramente, ma la facilità con cui si potranno effettuare acquisti potrà tentare i più, spingendoli a comprare applicazioni di cui non necessitano veramente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *