Processore Samsung Galaxy S7: lo Snapdragon 820 solo per alcuni mercati

Il processore Samsung Galaxy S7 rappresenta ad oggi l’argomento maggiormente oggetto di indiscrezioni, avvalorate peraltro da benchmark ed immagini leaked sparse in rete. Sin dapprincipio si è diffusa la voce secondo la quale il nuovo flagship di Samsung avrebbe fatto spazio ad una soluzione Qualcomm, configurando dunque un clamoroso ritorno alle origini dopo aver impiegato su tutta la line-up top di gamma del 2015 il socket proprietario Exynos 7420, il primo ad inaugurare un processo produttivo FinFET 14nm. Le difficoltà dell’azienda statunitense a seguito del lancio dello Snapdragon 810 hanno dato ragione a Samsung, che per contro ha incassato consensi ed apprezzamenti per il proprio chipset in termini di potenza e performance generali. E allora, perché cambiare?

processore samsung galaxy s7

Qualcomm sembra aver imparato la lezione e lo Snapdragon 820 promette bene, ma il processore Samsung Galaxy S7 potrebbe non essere necessariamente l’appena citato prestante quad-core a 64bit con relativa GPU Adreno 530. Od almeno, non per tutti. In raccordo con alcuni rumors trapelati in rete ad inizio Settembre, il prossimo esponente dell’oramai celebre linea “Galaxy S” (il cui debutto potrebbe essere anticipato, grazie al nuovo processo di produzione “Agile”) verrà smerciato in due differenti versioni: una con a bordo lo Snapdragon 820, l’altra con l’Exynos 8890 (denominato “Lucky”).

Un vero e proprio ritorno all’antico per il produttore coreano, seppur con alcuni accorgimenti, dal momento che la strategia di una doppia versione del proprio flagship era già stata inaugurata per alcuni dispositivi (si pensi, a titolo di esempio, al Note 4 e Note EDGE), là dove la variante coreana aveva il pregio di esser caratterizzata da una CPU proprietaria, mentre quella internazionale faceva spazio ad una soluzione Qualcomm. Stavolta le carte potrebbero essere sparigliate al contrario: il processore Samsung Galaxy S7 destinato ad i maggiori mercati (ivi compresa, l’Italia) sarà proprio l’Exynos 8890, mentre il flagship smerciato negli Stati Uniti e Cina accoglierà sotto il cofano lo Snapdragon 820.

La notizia, rimbalzata in queste ore dalla Cina, sembra tutto sommato in raccordo con i benchmark mostrati nelle scorse settimane, là dove abbiamo assistito promiscuamente a Galaxy S7 equipaggiati talvolta con l’820 e talvolta con l’Exynos 8890. Differenze potrebbero inoltre essere riservate al quantitativo di RAM, che oscillerà tra i 3 ed i 4 gigabyte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *