Pulse di Pixel Pi disponibile negli store Steam e Humble

Pulse è il vedeogame di Pixel Pi Games, una realtà di sviluppo che ha realizzato, grazie anche al contributo della raccolta Kickstarte, il primo videogioco basato sul suono e la percezione sensoriale perché la protagonista dell’avventura è una ragazzina non vedente.

Oggi Pulse è disponibile su Steam e Humblebundle. http://store.steampowered.com/app/372780/    https://www.humblebundle.com/store/p/pulse_pixelpi_storefront

Proprio oggi Pixel Pi ha annunciato la disponibilità del gioco e ha pubblicato sulla pagina di Kickstarter il trailer di lancio.

 

Proprio oggi Pixel Pi ha annunciato la disponibilità del gioco Pulse e ha pubblicato sulla pagina di Kickstarter il trailer di lancio. Alla fine del video trailer di Pulse, Pixel ha aggiuto le icone dei vari store digitali, al momento della scrittura non sono attivabili e Pixel nella nota di lancio ha spiegato che il suo obiettivo è quello di portarlo in tutti gli store digitali. Ricordiamo che Pulse ha mobilitato nella raccolta fondi ben 2129 persone che hanno contribuito complessivamente con quasi 81 mila dollari.

Raccontano gli sviluppatori che hanno creato delle versioni compatibili con Windows, Mac e Linux che Pulse è il primo gioco esperenziale basato su un personaggio non vedente, hanno cercato di ricostruire la percezione mentale del mondo di, in questo caso, una ragazza nata non vedente.

Eva viene accompagnata da delle creature chiamate Mokos che aiuteranno Eva durante il percorso, illumineranno ma non troppo alcuni spazi su richiesta del giocatore, una sorta di bonus a breve tempo. Ci saranno poi delle creature che cercano di divorare Eva, per evitarle bisogna percepirle nel suono e nell’atmosfera. Spiegano i produttori che era impossibile e anche insensibile ricreare totalmente l’esperienza della cecità in un gioco, gli obiettivi quindi sono diventati due, da una parte dare l’idea anche per sensibilizzare del mondo dei non vedenti, dall’altra valorizzare altri sensi di informazione e orientamento di cui non siamo consapevoli.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *