Schermo iPhone 6s: contiene 8 substrati

Lo schermo iPhone 6s, in seguito all’avvento della nuova tecnologia 3D Touch, che rende il display capace di rilevare l’intensità della pressione esercitata dal tocco, ha suscitato molta curiosità, ed è stato quindi disassemblato senza pietà e in modo irreparabile per avere la possibilità di analizzarlo nel profondo. Ed è proprio da questa analisi che è emerso che il nuovo display Retina HD è composto da ben otto substrati.

Il display presenta nuove e diverse caratteristiche rispetto al predecessore iPhone 6, tra le più importanti ha uno strato con sensore per il 3D Touch, una cover in vetro flessibile a doppio scambio ionico, un display Retina HD da 4,7 pollici con risoluzione 1334×750 e densità pixel di 326 ppi e infine un digitalizzatore di tocco.

Schermo iPhone 6s

In ordine di disassemblaggio, questi sono i componenti che sono stati trovati all’interno dello schermo iPhone 6s:

  • Cornice di plastica con le mollette che mantengono il display ancorato allo smartphone e una guarnizione adesiva
  • Retroilluminazione e uno strato misterioso con il retro in metallo (la cui funzione è quella di nascondere i sensori 3D Touch e riflettere la luce fuori dallo smartphone)
  • Sotto lo strato metallico c’è uno strato di sensori per il 3D Touch, che differentemente da quanto Apple affermò (ovvero che il 3D Touch sarebbe stato integrato nella retroilluminazione) è incluso in un componente separato.
  • Strato LCD e pellicola polarizzante, ovvero un filtro che crea la giusta combinazione di colori per visualizzare le immagini correttamente sullo smartphone
  • Strato di retroilluminazione LED di tipo edge-lit con propagazione della luce tramite un diffusore, ovvero uno strato di plastica trasparente

Nell’immagine si possono ammirare tutti gli otto substrati dello schermo iPhone 6s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *