Aumentare batteria smartphone: 5 tecnologie in via di sviluppo

Un gruppo di ricercatori ha messo a punto delle tecnologie in grado di aumentare la batteria smartphone e tablet. Non si tratta di soluzioni estemporanee o che fungono da specchietto per le allodole, bensì di soluzioni che fattivamente riescono ad allungare la vita delle stesse in modo tale da non rappresentare più un problema per gli utenti che ne fanno uso.

Aumentare batteria smartphone

Aumentare batteria smartphone: 5 tecnologie in via di sviluppo

Quest’oggi vi riportiamo solo 5 delle numerose tecnologie, quelle che risultano essere le migliori.

1.HUSH

Stando ad una ricerca effettuata dall’Università di Purdue, dalla Intel Corp. e dalla startup Mobile Enerlytic, il 45.9% della carica di una batteria viene utilizzata dall’accensione del display e da tutte quelle app che si attivano in background, che occupano inoltre spazio nella CPU. Quindi, il team di sviluppo ha creato un’applicazione in grado di “silenziare” le app in backgroud e limitare l’uso della luminosità del display. L’app si chiama Hush – silenzio, appunto, ed riduce il consumo quotidiano di circa il 16%. Vi sembra troppo poco? Tranquilli, il team sta già lavorando per assicurare un recupero almeno del 50%. (Clicca qui per scaricare Hush).

2.WALDIO

Sappiamo che la memoria flash diventa meno performante a mano a mano che il dispositivo scrive i dati nel suo interno.
Un team di ricercatori dell’Università di Hanyang, in Cina, ha sviluppato un sistema in grado di salvaguardare la memoria interna. Ottimizzando il database di sistema IO SQLite utilizzato dallo stack Android, il volume di dati trascritti viene ridotto a circa 1/6 della dimensione originale. Questo si traduce, in termini di durata della batteria, ad un recupero di circa il 39%, in quanto il device svolge l’operazione con più celerità.

3.ANODO DI LITIO PURO

Già nel 2014, il team di ricercatori dell’Università di Standford avevano parlato di una loro ricerca riguardo la realizzazione di batterie utilizzando l’anodo di litio puro ricoperto da nanosfere di carbonio. Il team, guidato dall’ex segretario per l’energia Steven Chu, si è ritenuto assai soddisfatto per l’esito della ricerca in quanto questa tecnologia è in grado di triplicare la durata della batteria di un qualsiasi smartphone.

4.CONVERTITORI RF-DC

Un team di ricercatori appartenenti all’Università dell’Ohio ha sperimentato un modo per ricaricare il device raccogliendo tutte le frequenze radio RF. Appurato il fatto che qualsiasi oggetto tecnologico intorno a noi sfrutta tali frequenze – ripetitori, router wifi, dispositivi Bluetooth tanto per citarne alcuni – perché non sfruttarli per mantenere in costante ricarica il nostro dispositivo?!? In fin dei conti, anche questo è un sistema per aumentare batteria smartphone!

5.CELLE COMBUSTIBILE A IDROGENO

Una società di tecnologia britannica ha creato una cella combustibile a idrogeno. Inserendola all’intero di un’ iPhone 6 – senza rimuovere la batteria agli ioni di litio in esso presente nativamente – la nuova cella è stata in grado di accendere e far funzionare a pieno ritmo lo smartphone per una settimana e con una sola ricarica.

Tecnologie queste che se riuscissero a prendere davvero piede sarebbero in grado di aumentare la durata e la vita della batteria degli smartphone senza troppi sforzi ed in maniera intelligente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *