Facebook Privacy: in causa con il Belgio

Nuovi problemi per la Facebook Privacy, in particolare in riferimento ai provvedimenti che il social network prende nei confronti di coloro che non sono ancora iscritti al sito internet.

Facebook Privacy

Infatti, una corte Belga ha indicato la necessità di eliminare quello che è un cookie, attualmente presente nel sito, che si chiama “datr” e che consente di mantenere una certa traccia riferita a coloro che, pur non essendo iscritti, visitano Facebook.

Questa, che potrebbe sembrare una violazione della Facebook Privacy, è stata un’iniziativa giustificata dall’azienda sulla base della necessità di distinguere tra le visite legittime ed illegittime al sito internet.

Questo sistema è in auge da cinque anni, ma ora il Belgio sembra voler eliminare l’utilizzo di tale cookie, almeno all’interno del proprio Paese. Il rischio che il sito correrebbe, per questa apparente violazione della Facebook Privacy in Belgio, sarebbe una multa di 250 mila euro al giorno.

Quale sarebbe la rimostranza fatta dalla corte belga a Facebook? L’utilizzo di questo cookie metterebbe, secondo i giudici, il sito in una posizione unica e privilegiata, quella per la quale sarebbe possibile tenere traccia, contro quelli che sarebbero i dettami della Facebook Privacy, dei gusti e delle preferenze degli utenti indipendentemente dalla loro iscrizione al sito internet.

L’azienda si è opposta a questa richiesta della corte belga, ed ora bisognerà capire come si concluderà la vicenda per Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *