Huawei e Xiaomi in rapporto con LG Display per la tecnologia Oled

Huawei e Xiaomi nel 2016 potrebbero introdurre display OLED nei loro terminali. Alcune fonti vicine a diversi produttori cinesi riportano questa nuova tendenza produttiva, un salto di qualità vista la crescita ed espansione commerciale dei dispositivi cinesi che incontrano il favore del pubblico commerciale grazie ad un buon rapporto qualità prezzo.

Analizzando la scelta di Huawei e Xiaomi abbiamo notizie più vicine e dettagliate. Entrambe le società infatti sono entrati in rapporto con LG Display, la sezione dell’azienda che sta creando innovazioni nel campo produttivo degli schermi TV.

lg-is-looking-into-cranking-up-production-of-plastic-oled-displays-for-smartwatches-and-phones

Sembra che si sia instaurato un rapporto commerciale per la fornitura di pannelli OLED per la prossima generazione di terminali. Huawei finora intratteva rapporti con Samsung per la realizzazione dei display quindi rappresenta una novità all’interno della sua produzione, mentre Xiaomi già da tempo intrattiene rapporti con LG per la realizzazione delle TV e degli smartphone.

Ma quali sono i futuri progetti device di Xiaomi e Huawei? Oggi Xiaomi dovrebbe presentare un nuovo smartphone, forse il Redmi Note 2 Pro. Gli appassionati in realtà attendono l’arrivo del nuovo Xiaomi Mi5 e sperano nella sua presentazione odierna, il Mi5 sarà un dispositivo che introdurrà il processore Qualcomm Snapdragon 820; se la sua produzione e lancio fossero spostate per il 2016 non bisognerebbe escludere qualche novità interessante per i display.

Xiaomi
Passando invece a Huawei è al centro dell’attenzione due dispositivi in progettazione e i nuovi processori, in particolare il Kirin 950 presentato da poco e utilizzato per il nuovo P9 Max. Questo phablet top di gamma ha risoluzione display da 6.2 pollici e Ram da 4 GB. Il Kirin 950 sarà inserito anche all’interno del futuro Mate 8 proprio come potete vedere dall’immagine. Il dispositivo sarà presentato in Cina il prossimo 26 novembre.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *