iPhone 6S vs Galaxy S6: fotocamere a confronto!

iPhone 6S vs Galaxy S6: fotocamere a confronto! Sono tante le componenti che caratterizzano una fotocamera digitale: l’apertura, la messa a fuoco, la presenza (o meno) dello stabilizzatore ottico, i pixel, la dimensione del sensore. Solo analizzando nel complesso tutte queste caratteristiche si può stabilire la qualità di una fotocamera e l’affinità con le proprie esigenze. Questo discorso vale, però, per un fotografo o quantomeno per chi “ne sa qualcosa” di questo settore; per il consumatore tradizionale, infatti, ciò che conta tuttora sono i megapixel.

E’ vero, il numero di megapixel influenza la qualità dell’immagine, ma per comprendere a pieno le doti di una fotocamera bisogna analizzare tutte le varie componenti. A dimostrazione di ciò, vi poniamo un semplice esempio: iPhone 6S ha una fotocamera da 12 MP mentre Samsung Galaxy S6 una da 16 MP; inoltre quest’ultimo ha il 33% di pixel in più ma ciò non basta a definire quale sia la migliore tra le due.

iPhone 6S vs Galaxy S6: fotocamere a confronto – Il formato dell’immagine

Prima vi parlavamo delle tante componenti che vanno ad influenzare la qualità di una fotocamera ed a tal proposito, nel confronto tra le fotocamere di iPhone 6S e Galaxy S6, ne analizziamo una che raramente viene menzionata: il rapporto d’aspetto nativo. Esso è il rapporto tra la larghezza e l’altezza della matrice di pixel del sensore.

  • iPhone 6S, con fotocamera da 12 MP, scatta foto a 4032 x 3024 pixel, con un rapporto 4:3
  • Samsung Galaxy S6, con fotocamera da 16 MP, scatta foto a 5312 x 2988 pixel, con un rapporto 16:9

L’immagine seguente spiega in modo chiaro ed intuitivo cosa vi abbiamo appena detto:

iphone-6s-vs-galaxy-s6-camera-ratios-visualized-min

Come si può notare, la qualità e la cura dei dettagli delle due fotocamere sono quasi identiche. I 4 MP in più del Galaxy S6 sono necessari perché, rispetto ad iPhone 6S, lo smartphone Samsung ha dimensioni maggiori e quindi necessita di un’immagine più ampia rispetto al device Apple. In altre parole, i pixel di differenza producono un’immagina più estesa ma non necessariamente più dettagliata. Per questo, come dicevamo all’inizio, la qualità di una fotocamera non può dipendere solo dai megapixel.

iPhone 6S vs Galaxy S6: fotocamere a confronto – Le aree di luce catturata

Oltre al rapporto d’aspetto nativo, è di fondamentale importanza anche la lunghezza focale del sensore: questa misurazione, espressa in millimetri, va di pari passo con gli angoli di visuale orizzontali e verticali. La misura della lunghezza focale è inversamente proporzionale all’ampiezza dell’angolo: una lunghezza focale piccola permette un angolo di visione più ampio. Nel caso che stiamo analizzando, la differenza tra le lunghezze di iPhone e Samsung è trascurabile, in quanto differiscono per un millimetro (29 mm iPhone e 28 mm Samsung).

Un’altra differenza tra i due sensori è che ognuno di essi cattura in modo diverso la luce che entra nella lente. Osservando l’immagine qui sotto è più facile comprendere il significato di ciò che vi abbiamo appena detto: il cerchio nero individua l’area illuminata dalla luce (ha forma circolare perché la lente è rotonda); i due diversi rettangoli corrispondono alle aree catturate da ogni sensore (il sensore ha forma rettangolare).

iphone-6s-vs-galaxy-s7-aspect-ratio-camera-min

iPhone 6S vs Galaxy S6: fotocamere a confronto – Esempi di foto scattate

Fino ad ora vi abbiamo dato nozioni teoriche ma è ora di abbandonare la teoria e passare ai fatti. Qui sotto vedrete alcune foto identiche scattate sia con iPhone 6S che con Samsung Galaxy S6. Oltre a foto in condizioni normali, troverete foto con zoom al 100% (le differenze sono impercettibili e se si nota qualcosa è a causa degli algoritmi di elaborazione, nulla a che vedere con i megapixel) e foto ad alta risoluzione.

N.B. Le foto ad alta risoluzione richiedono maggior tempo di caricamento.

iPhone 6S vs Galaxy S6: fotocamere a confronto – Conclusioni

Con quest’articolo abbiamo sfatato (o quantomeno c’abbiamo provato) il mito secondo cui il numero di megapixel determina la qualità di una fotocamera. Nel caso dei due smartphone analizzati, come abbiamo ripetuto più volte durante il nostro confronto, le differenze sono quasi impercettibili e se ci sono dipendono da altri fattori e non dalla differenza di megapixel. Un confronto tra fotocamere, per essere oggettivo, deve comprendere l’analisi di tutte le componenti e non basarsi esclusivamente sul numero di megapixel. Ovviamente non vi è nulla di più immediato che osservare direttamente le foto scattate con i due dispositivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *