Octa-Core, solo marketing per Qualcomm

Qualcomm ha di recente presentato il nuovo SoC per dispositivi di fascia alta, lo Snapdragon 820. Secondo Qualcomm, il suo nuovo SoC di punta consuma il 30% in meno rispetto al corrispettivo della precedente generazione, lo Snapdragon 810, pur essendo più potente sotto ogni aspetto.

Ciò che incuriosisce è che, rispetto alla generazione precedente, il numero di core è stato dimezzato. Infatti, all’interno dello Snapdragon 820 troviamo due core ad alte prestazioni ed altri due a basso consumo energetico, in una configurazione big.LITTLE.

Octa-Core

A tal proposito, dopo la presentazione ufficiale, si è tenuta una conversazione nella quale si è evinto che la strategia dell’azienda è puntare al numero minimo di core con la massima potenza. Quanto affermato da Qualcomm è in controtendenza con quanto viene proposto dalla concorrenza, come Mediatek che ha addirittura rilasciato processori con 10 core!

Qualcomm invece sostiene che avere così tanti core non aiuta ad ottenere le massime performance da un chip, ciononostante si sente “costretta” a rilasciare processori Octa-Core o superiori, semplicemente per questioni di marketing.

Si è infatti instaurata nei consumatori la convinzione che il numero di core determini le prestazioni del SoC. Pur essendo Qualcomm in disaccordo con tale affermazione non può far altro che assecondare il mercato, soprattutto nella fascia bassa, per evitare danni al fatturato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *