Privacy smartphone, come le applicazioni spiano gli utenti

Sia le applicazioni di iOS che di Android rappresenterebbero un serio rischio per i nostri dati. L’allarme sulla privacy smartphone è stato lanciato da uno studio dell’Università di Harward e Carnegie Mellon. Un’analisi su ben 110 applicazioni presenti sia sul Google Play che sullo store di Apple, ha rivelato come esista una condivisione dei dati personali dell’utente alla completa insaputa dello stesso.

privacy smartphone

A finire nel mirino dello studio sono Apple, Google e Facebook che, secondo gli studiosi, scambiano dati di fondamentale importanza. Si tratta di nome, indirizzo di posta elettronica che spesso vengono condivise senza nessun tipo di consenso esplicito da parte dell’utente.

Sono i dispositivi equipaggiati con il sistema operativo Android ad essere interessati maggiormente da questo fenomeno. Se le app presenti su iOS con questo particolare comportamento, raggiungono una percentuale del 16%, la privacy smartphone su Android sembra essere ancora di più una chimera con una quota che raggiunge il 73% del totale.

Ma proprio le applicazioni presenti sul sistema operativo della compagnia di Cupertino mostrano un minore livello di protezione per quanto riguarda l’aspetto della localizzazione, i cui dati vengono condivisi dal 47% delle app di iOS contro il 33% di quelle su Android. Non è il primo allarme lanciato dagli studiosi riguardo la privacy sui device di entrambi i sistemi operativi. Nel mondo della tecnologia e della continua innovazione informatica la protezione dei dati è sempre più difficoltosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *