Samsung Duo Pixel brevettato ufficialmente dal colosso coreano

Dopo BRITECELL è la volta di Samsung Duo Pixel, il cui nome appare per la prima volta sulla scena delle indiscrezioni in virtù del deposito del marchio presso l’ufficio brevetti statunitense espletato in data 27 Novembre 2015. L’attenzione del colosso coreano verso il comparto multimediale dei propri portabandiera si fa dunque sempre più marcata, e chissà che la registrazione di Samsung Duo Pixel possa avere a che fare con il prossimo ed atteso Galaxy S7, considerata la moltitudine d’indiscrezioni legate alla sua fotocamera principale.

Samsung Duo Pixel

Le informazioni sulla tecnologia in questione sono risicate, ma per completezza del discorso si potrebbe far riferimento ad alcuni rumors trapelati in questi mesi, là dove si è ipotizzato, in un primo momento, l’impiego di un sensore da 12 megapixel da 1/2″ sul nuovo esponente della linea “Galaxy S”, utile a catturare una maggior luce se rapportato con le proposte attuali. Una ipotesi poi messa da parte a seguito dell’ufficializzazione di “BRITECELL” ma che torna oggi prepotentemente in auge in virtù del nome Samsung Duo Pixel, affine con l’appellativo della tecnologia dual-PD sulla quale verteva appunto il meccanismo del sensore da 12 megapixel. La caratteristica di quest’ultimo dovrebbe rifarsi a quella impiegata da Canon, in base alla quale vengono utilizzati due fotodiodi per ogni area di pixel piuttosto che uno soltanto, così da rendere la messa a fuoco dell’immagine ancor più veloce e, di riflesso, consentire una maggior penetrazione della luce.

Chiaramente, trattasi soltanto di mere ipotesi, indi per cui Samsung Dual Pixel potrebbe alludere a qualcosa di completamente diverso e, soprattutto, potrebbe caratterizzare non direttamente il nuovo Galaxy S7 bensì altri smartphone di fascia alta del brand (su tutti, la serie Note) pronti al debutto nel corso del 2016. Ad ogni modo, tra BRITECELL e Samsung Duo Pixel, il colosso coreano è pronto a migliorare ulteriormente il comparto multimediale dei propri portabandiera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *