Samsung Gear S2 problemi con smartphone crittografati

Samsung Gear S2 problemi con smartphone crittografati – A poche settimane dal rilascio dell’ultimo aggiornamento, il Samsung Gear S2 pare avere problemi con gli smartphone aventi la crittografia attiva.

Samsung Gear S2 problemi

Samsung Gear S2 problemi con smartphone crittografati

Samsung Gear S2 problemi con smartphone crittografati – A manifestare problemi è il Gear Manager, l’app che permette la gestione e l’aggiornamento del firmware, e gli smartphone che vedono negata la compatibilità con l’indossabile di casa Samsung sono nella fattispecie gli ultimi Nexus – Nexus 6, Nexus 5X e Nexus 6P. Al contrario, con gli smartphone propri appartenenti alla linea Galaxy, il Samsung gear S2 problemi non ne crea.

In cosa consistono i problemi?

Provando ad installare l’aggiornamento tramite l’app Gear Manager, compare il seguente messaggio d’errore:

gear_s2_1024-264x470

Pur provando a dare l’OK, risulta impossibile disabilitare la crittografia anche perché, volente o nolente, è diventata obbligatoria con l’arrivo del nuovo Android Marshmallow versione 6.0.
L’unica cosa possibile è fare tap su Annulla e tornare, di conseguenza, al punto di partenza.

Inoltre, è stato riscontrato un altro problema legato alla ricezione delle notifiche Push inviate da Nexus 6P. Ma, anche in questo caso, non esistono al momento soluzioni per ovviare all’inconveniente.

È chiaro che il problema è dato dalla crittografia attiva che, ricordiamo, permette di avere una sicurezza in più su smartphone e dati. Fatta eccezione dei dispositivi assai datati, con i più recenti – in particolari quelli con Android Marshmallow installato nativamente – la crittografia sarà resa sempre più obbligatoria. Come si muoverà la Samsung in questo senso?

Dopo aver aperto le frontiere dello smartwatch più in voga – il Samsung Gear S2 appunto – a tutti i device Android e non solo agli smartphone proprietari, di certo non può fare marcia indietro. Pertanto, si aspettano nuovi aggiornamenti in grado di risolvere il bug.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *