Smartwatch Samsung, il futuro scandito da due nuovi brevetti

Gli smartwatch Samsung sono già molteplici e, conformemente a quanto proposto dai principali e quotati competitors, muovono dalla medesima concezione d’utilizzo: essere un perfetto “compagno” degli smartphone, nonché una comoda piattaforma on-the-road di notifiche segnalate puntualmente dal nostro dispositivo mobile. Che sia Apple Watch piuttosto che uno dei tanti indossabili con a bordo Android Wear, od ancora uno smartwatch Samsung, la funzionalità saliente resta dunque ancorata alla filosofia di cui sopra. Un mercato dunque piuttosto piatto ma che potrebbe ricever presto una scossa dalle idee messe in pratica dal colosso coreano, che in queste ore ha depositato due brevetti che disegnano una diversa destinazione d’uso degli smartwatch Samsung facenti parte della famiglia Gear.

smartwatch samsung

SMARTWATCH SAMSUNG E GEAR VR

Il primo brevetto immagina una integrazione dell’indossabile con il Gear VR. Una “mossa” che mutua il tentativo di Oculus di accrescere l’esperienza della realtà “virtuale”: si potrebbe quindi utilizzare lo smartwatch come sistema di puntamento oppure simulare una partita di golf indossando il visore ed emulando le gesta con al polso un orologio “intelligente” ed una smartband, entrambi appartenenti alla serie Gear.

SMARTWATCH SAMSUNG E GLI ELETTRODOMESTICI

Un secondo brevetto insisterebbe invece su una integrazione tra l’indossabile e tutta la sequela di prodotti facenti parte della Samsung Smart Home. Ad esempio, si potrebbe collegare lo smartwatch Samsung con alcuni elettrodomestici ed adempiere ad alcune operazioni basilari mediante gestures: si pensi alla possibilità di cambiare canale sul nostro televisore, oppure aumentare o diminuire la temperature del condizionatore o selezionare un dato programma della nostra lavatrice; il tutto semplicemente muovendo il polso nel quale è allacciato l’indossabile Gear.

Idee quindi “stuzzicanti” e fantasiose, che potrebbero presto rivoluzione il panorama degli smartwatch del brand coreano, sconfinando così l’attuale ruolo di piattaforma di notifiche per abbracciare un utilizzo più dinamico e particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *