Made For Samsung, il servizio che promette una esperienza mobile esclusiva

Si chiama “Made for Samsung” ed è la nuova e sfruculiante iniziativa che il colosso coreano ha svelato al pubblico in occasione dell’edizione 2016 del Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas: l’obiettivo è quello di “realizzare la migliore nonché esclusiva esperienza mobile” all’interno di tutti i dispositivi facenti parte del portfolio dell’azienda, in virtù della collaborazione con i più quotati marchi e sviluppatori di applicazioni al mondo. Il progetto “Made for Samsung” può esser quindi letto nel tentativo di una maggior fidelizzazione del cliente con il brand, allorché tutti i possessori di smartphone, tablet ed altri prodotti griffati Samsung potranno beneficiare di tutta una serie di vantaggi, incrementando conseguentemente l’esperienza utente generale.

Made For Samsung

La prima bozza di “Made for Samsung” è stata testata circa tre mesi or sono, allorquando l’azienda coreana aveva attivato una collaborazione con Expedia al fine di creare una applicazione dedicata ai viaggi progettata ad-hoc per tutti gli smartphone del brand facenti parte della gamma “Galaxy”. La patnership tra le due aziende è stata così fruttuosa a tal punto da creare il cosiddetto Samsung Collection, l’esclusivo servizio attivato da Expedia messo a disposizione per tutti i clienti del brand: il vantaggio è presto detto, considerato che quest’ultimi potranno beneficiare di sconti ed offerte particolari.

Expedia è tuttavia soltanto il primo del novero di aziende che stanno avviando una collaborazione con il produttore del prossimo Galaxy S7. Ben presto, infatti, il progetto “Made for Samsung” sarà rimpinguato dalla presenza di marchi come Photobucket, CNN, News Republic, pera Sports, skimble e The Weather Channel, che porteranno alla creazione di applicativi esclusivi installabili all’interno di smartphone, tablet, TV ed indossabili dell’azienda coreana. Il progetto è attualmente relegato al mercato statunitense, in attesa di ulteriori dettagli circa una sua propagazione anche per quanto riguarda l’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *