Processore MediaTek Helio P20, conferme sui 16nm

Il processore MediaTek Helio P20 dovrebbe esser costituito su un processo produttivo basato a 16 nanometri: poche notizie circa le sue specifiche tecniche, ma il suo approdo sui prossimi smartphone Android dovrebbe concretizzarsi non prima dell’Estate – L’azienda taiwanese, specializzata nella costruzione di chipset, ha conosciuto lo scorso anno una buona diffusione generale, malgrado la concorrenza (Qualcomm su tutti, ma anche Samsung ed in via successiva Huawei) sia sempre più fitta.

Nello specifico, il processore MediaTek di punta del 2015, Helio X10, ha animato un gran novero di terminali, ivi compreso il phablet HTC One M9 Plus che ha dato avvio alla patnership con l’azienda impegnata nella costruzione del prossimo M10 (la cui variante destinata in alcuni mercati sarà per l’appunto caratterizzata da un processore MediaTek).

processore mediatek

I chipset del brand taiwanese previsti per questo 2016 saranno due, almeno per quel che concerne il segmento di fascia alta: Helio X20 innanzitutto, già conosciuto in virtù dei molteplici benchmark apparsi in rete, ma anche Helio P20, le cui notizie sono invece piuttosto circoscritte e marginali. Sembra infatti che l’appena menzionato processore MediaTek possa far spazio ad una architettura ARM Cortex-A72 e A53 (plausibile una configurazione in deca-core) e costituito da un processo produttivo a 16 nanometri, al fine di assicurare maggiore efficienza e velocità d’esecuzione.

Il processore MediaTek contrassegnato dalla lettera “X” fa spazio ad una architettura a 20 nanometri e sarà disponibile da qualche mese, indi per cui Helio P20 potrebbe aprire la “stagione” dei 16 nanometri per la seconda metà dell’anno in corso: rumor più recenti sostengono infatti un suo debutto non prima dell’Estate, in attesa che Helio X30 possa poi chiudere il cerchio con il 2016. Bisognerà adesso capire quali saranno le specifiche tecniche del processore MediaTek Helio P20, ed è plausibile auspicare ad una pronta risposta del brand già nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *