Samsung Pay si estende in alcuni paesi d’Europa

Samsung Pay chiude il cerchio relativamente alle novità che il colosso coreano ha svelato al pubblico in occasione del CES 2016 di Las Vegas. Al lancio di Galaxy TabPro S – convertibile con a bordo Windows 10 – ed alle varianti “Rose Gold” e “Platinum” del Gear S2 (compatibile entro il 2016 anche con iOS) fa da contraltare la diffusione ancor più generale del proprio sistema di pagamenti tramite dispositivi mobili, inaugurato lo scorso anno in risposta alle piattaforme di Apple e Google.

Samsung Pay

Il servizio Samsung Pay sarà esteso entro la fine del 2016 anche nel Regno Unito, Spagna, Australia, Cina, Singapore e Brasile, pronte ad aggiungersi a stretto giro di posta a Stati Uniti e Corea, gli unici territori all’interno dei quali il sistema di pagamento a firma Samsung è già attivo; esclusi dunque dalla “prima tornata” gran parte dei mercati europei tra cui anche l’Italia, nella speranza che il rollout “colpisca” quanto prima anche il bel paese.

La suggestiva cornice del CES 2016 è stata inoltre l’occasione, da parte di Samsung, di ribadire l’importanza dell’impiego della tecnologia MST (Magnetic Secure Transmission), che consente l’utilizzo degli smartphone per poter effettuare transazioni tramite POS sui quali non è installato il tag NFC. A detta del colosso coreano, il quantitativo di terminali privi della detta tecnologia è infatti cinque volte superiore a quelli conformi ai nuovi dettami, un numero evidentemente significativo che permette di supportare senza troppe magagne i dispositivi più tradizionali per i pagamenti mobili.

Una carta, quest’ultima, che l’azienda ha rimarcato sin dal lancio di Samsung Pay, presentato come una alternativa più completa rispetto ad Apple Pay ed Android Pay, basati sui pagamenti tramite NFC. Ad impreziosire ulteriormente la piattaforma a firma Samsung è la complementarietà con l’ultimo indossabile dell’azienda, che può esser utilizzato per gestire le varie transazioni direttamente dal Gear S2, l’ultimo smartwatch dell’azienda con a bordo il sistema operativo Tizen OS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *