Specifiche Samsung Galaxy A9 Pro svelate da GFXBench

Dopo l’avvio dei primi test in India è la volta delle specifiche Samsung Galaxy A9 Pro, svelate nel dettaglio dal noto portale GFXBench. Il nome in codice dello smartphone in questione è SM-A9100, una sigla che riecheggia e che conferma, di fatto, la riconduzione alla gamma A 2016 già rinvigorita da Samsung con i più recenti A3 ed A5. Le informazioni riportate dal sito benchmark non sono però da prender come riferimento, allorché potrebbero esser molteplici le “sviste” che difficilmente caratterizzeranno il nuovo dispositivo a firma Samsung.

Prima tra tutti la dimensione del display, attestata dalle specifiche Samsung Galaxy A9 Pro ravvisate da GFXBench secondo i 5.5″ pollici: difficile infatti pensare che il colosso coreano possa ritrattare l’ampiezza dello schermo, considerato che l’attuale device sul mercato vanta un pannello da 6″ pollici e, dunque, più confacente al target phablet dentro il quale il prodotto sarà con buona probabilità destinato.

Specifiche Samsung Galaxy A9 Pro

Per il resto, le specifiche Samsung Galaxy A9 Pro rilevate da GFXBench mostrano un prodotto interessante ed in linea con le restanti proposte appartenenti alla fascia medio-alta del mercato. Spicca a tale stregua l’adozione del processore octa-core a 64bit Qualcomm Snapdragon 652 (frequenza di clock 1.8Ghz), affiancato addirittura da 4 gigabyte di memoria RAM e 32 gigabyte di storage interno (da valutare se espandibili o meno).

Non manca altresì un approfondimento al comparto multimediale, che poggerebbe sull’implementazione di due ottiche da 16 ed 8 megapixel rispettivamente collocate sul posteriore e sulla parte frontale dello smartphone; la dimensione dei pixel potrebbe inoltre far pensare ad una adozione dello stesso sensore utilizzato da Huawei per il suo Mate 8, dunque di provenienza Sony (IMX298). Vedremo comunque in prosieguo se le specifiche Samsung Galaxy A9 Pro snocciolate in data odierna corrisponderanno al vero. Una cosa appare certa: considerato l’infittirsi di indiscrezioni relative al dispositivo, non è azzardato immaginare un suo debutto entro qualche mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *