Samsung Galaxy Tab Iris con sensore riconoscimento iride

Lo sblocco dei terminali attraverso il riconoscimento delle impronte digitali è già preistoria se pensiamo che il nuovo Samsung Galaxy Tab Iris è in grado di scansionare e riconoscere l’iride dell’occhio umano. Questa funzionalità, che è senza dubbio un ulteriore passo in avanti nell’ambito della sicurezza informatica (sblocco dispositivi, accesso ad aree riservate come home banking ecc..), potrebbe essere integrata già nei prossimi terminali come il nuovo Galaxy Note.

1464272427-1143-T116-001-Front-Black706x500

Il riconoscimento dell’iride ha come vantaggio che non c’è bisogno di contatto tra la persona e il dispositivo in quanto viene emesso un fascio luminoso ad infrarossi che raccoglie le informazioni dell’immagine e le confronta con quelle salvate in precedenza. L’identificazione dell’ individuo è resa univoca grazie alle 200 caratteristiche uniche presenti nelle fibre muscolari e pigmentazioni dell’iride.

Al momento il sensore è presente solo in questo dispositivo che è stato chiamato appositamente Iris e che, a parte questo, ha altre caratteristiche  che sono tutt’altro che all’avanguardia..
Infatti in un design è molto scarno abbiamo uno schermo da 7″, 1.5GB di memoria RAM, 8GB di memoria interna espandibile, un’unica fotocamera posteriore da 5 Mega Pixel, Android 5.0 Lollipop e batteria da 3600 mAh.

Il dispositivo è stato presentato al momento esclusivamente per il mercato indiano ed ha un prezzo di circa 180 euro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *