1Password per Android si aggiorna alla versione 6

La versione per Android del celebre gestore di password 1Password ha ricevuto un grosso update alla build numero 6 dalla 4.5.3. Un salto notevole, dettato dalla volontà dell’azienda di mettere in pari l’applicazione presente sul Google Play Store con quelle sulle altre piattaforme per dispositivi mobile.

Oltre ad un riammodernamento estetico grazie alla svolta verso un completo Material Design, 1Password ora supporta lo sblocco tramite impronte digitali incluso nel sistema operativo Android Marshmallow.

La differenza che salta subito all’occhio è rappresentata proprio dall’interfaccia utente completamente ridisegnata per abbracciare i principi del Material Design. Possiamo infatti vedere come ogni aspetto dell’app, inclusa la schermata di blocco, i menu di navigazione e le impostazioni siano stati completamente rinnovati, oltre all’inserimento di nuove aggiunte rappresentate da una toolbar allineata, categorie revisionate, nuove icone e un TAB per l’inserimento di ulteriori password e siti web.

La versione 6 aggiunge, inoltre, il supporto per lo sblocco tramite impronte digitali per device con sistema operativo Marshmallow che sostituisce l’inserimento di una master password oltre ad una sincronizzazione via Wi-Fi tra i database interni ed esterni migliorata. Se siete interessati al changelog completo potete trovarlo sul sito ufficiale.

1Password è gratuita anche se le sue funzionalità premium possono essere sbloccate tramite acquisto in-app. Se pensate di essere interessati ma non volete procedere direttamente all’acquisto senza sapere bene a costa state andando incontro, sappiate che potete provare la versione full gratuitamente per 30 giorni. Cosa aspettate, quindi? Scaricatela subito!

[appbox googleplay com.agilebits.onepassword] [appbox appstore 568903335] [appbox windowsstore 9NBLGGH0CK2C]
[wp_search_xml_best_price keywords=”Samsung Galaxy S6 Edge”]

Ariela Scaglia

Appassionata da sempre dal mondo della tecnologia e dei videogames, è con grande onore che oggi mi trovo a collaborare con MobileOS per la stesura di articoli e schede tecniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.