Aggiornamento Galaxy Note 7: non potrà più ricaricarsi

Il Note 7 è ufficialmente morto: la Samsung sta distribuendo un aggiornamento attraverso varie fonti che disabiliterà del tutto la ricarica al cellulare, uccidendolo definitivamente visto che non può alimentarsi più dalla batteria. Ma c’è chi vuole tenerlo ancora: come fare? Ecco qualche consiglio.

Nota: prima di tutto considerate sempre il perché il Note 7 si trova in questa situazione. Si tratta d’un Phablet pericoloso, il quale ha sempre una buona probabilità d’esplodere. Ha incendiato case, auto e ustionato persone in varie situazioni. Se volete continuare a possederne uno è per puro senso del collezionismo e per nessun altro motivo.

Samsung Galaxy Note 7

Prendete nota di come l’aggiornamento verrà distribuito: questo avverrà la connessione dati del vostro Phablet. E’ bene perciò evitare di dare qualsiasi contatto all’esterno al vostro Note 7. Estraete la SIM, così da non dare alcun servizio al Phablet, e disattivare la connessione Wifi. Se dovete per forza inserirci una SIM, disabilitate la connessione dati, anche se tutto ciò non è una vera e propria garanzia che l’aggiornamento non verrà installato.

Tenete sempre d’occhio le persone pronte a modificare il cellulare: un ottimo posto è XDA e stanno già distribuendo un Software che bloccherà l’aggiornamento fatale per il vostro Phablet. Potete cercare il tutto qui (http://forum.xda-developers.com/note-7/help) anche se bisogna naturalmente chiedere in giro e parlare in privato con le persone addette. Di recente hanno infatti deciso di non distribuire pubblicamente il programma che blocca l’aggiornamento, per evitare ripercussioni dalle persone che possono farsi male con le reazioni violente del Note 7.

Ingegnatevi: il problema principale del Note 7 è la pressione e il surriscaldamento della batteria. Cercare di smontarlo e modificarlo per raggirare questo problema può essere definitivamente una buona soluzione, anche se ovviamente non è per nulla facile e bisogna avere delle ottime conoscenze del campo. Tenere al fresco il Phablet è comunque cruciale, così come anche non portarlo mai al massimo delle prestazioni. Disabilitate la ricarica rapida, diminuite la potenza del processore, insomma assottigliate quei fattori che possono causare il problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *