Recensione Xiaomi Mi 11: alternativa a iPhone 12 o Galaxy S21

La prima cosa a cui la maggior parte delle persone probabilmente pensa quando sente la parola Xiaomi è cellulari economici . Ed è logico. L’azienda cinese si è fatta un nome in questo settore grazie a un ampio catalogo di prodotti convenienti con un’ottima esperienza utente e, nella maggior parte dei casi, un design di successo.

Ma, dallo scorso anno, il marchio ha anche cercato di affermarsi nei segmenti più alti del mercato . Il Mi 10, ricordiamo, è arrivato in Italia per 799 euro, lontano dai 449 euro del suo predecessore. Il marchio ha presentato anche un Mi 10 Pro arrivato in Italia con un prezzo di listino di 999 euro che, ancora una volta, non aveva nulla a che fare con ciò a cui eravamo abituati.

 

Nel 2021, Xiaomi ha deciso di continuare con questa strategia . Al momento lo ha fatto solo con il Mi 11, che arriva in Italia per 749 euro. Questo promette di fare un passo avanti in aspetti come lo schermo, il design e, naturalmente, la potenza pura. Il suo obiettivo? Diventare la migliore alternativa economica ai cellulari più avanzati sul mercato.

Il primo Snapdragon 888 ad arrivare in Italia

Xiaomi Mi 11 è, curiosamente, il primo cellulare con processore Snapdragon 888 che sbarca in Italia . E, come potrebbe essere altrimenti, le prestazioni del telefono sono sempre squisite. Le applicazioni si aprono in decimi di secondo, le transizioni sono fluide e l’esperienza, anche in situazioni più difficili, è molto buona.

 

La memoria UFS 3.0, gli 8 GB di RAM e, naturalmente, lo schermo a 120 Hz contribuiscono a questa sensazione. In effetti, consiglio vivamente di mantenere la frequenza di aggiornamento adattiva su piuttosto che su 60 Hz. Le transizioni sono notevolmente più fluide, i movimenti sono più coerenti e l’esperienza complessiva è significativamente migliore.

Per quanto riguarda lo schermo, Xiaomi ha posto grande enfasi durante la presentazione del telefono sulla sua qualità. Si tratta di un pannello da 6,8 pollici con tecnologia AMOLED, compatibile con HDR 10+ e, secondo Xiaomi, 1.500 nits di luminosità massima. È anche in grado di variare dinamicamente la sua frequenza di aggiornamento fino a 120 Hz e, per la prima volta in questa serie, ha una risoluzione QHD + che si traduce in 515 pixel per pollice.

In pratica, poco può essere obiettato da questo pannello. Ha un bell’aspetto all’aperto, rappresenta accuratamente i colori, adatta dinamicamente la frequenza di aggiornamento per tenere a bada il consumo di energia, il contrasto è praticamente infinito, ecc. Xiaomi ha fatto un enorme passo avanti in questo senso. E ne aveva bisogno se voleva davvero competere con i migliori del settore.

Sullo schermo, sì, volevo fare un apprezzamento: a differenza di alcuni telefoni, il Mi 11 ti permette di godere contemporaneamente di 120 Hz e risoluzione WQHD + . Ovviamente questa configurazione comporta un maggior consumo di energia. Ma chi vuole godersi il pannello al meglio, può farlo senza problemi.

Dietro il pannello, come potrebbe essere altrimenti, c’è la batteria, che ha una capacità di 4.600 mAh . Questo, onestamente, non brilla né offre quella tranquillità in più rispetto agli altri modelli. Tuttavia, ti permette di finire le giornate quotidiane senza dover temere per questo.

Nel caso avessimo bisogno di una ricarica, la buona notizia è che il Mi 11 è compatibile sia con la ricarica rapida da 55 W che con la ricarica wireless da 50 W . In altre parole: in meno di un’ora puoi ricaricare completamente il tuo cellulare.

Le curve dominano tutto sul Mi 11

"

Lo Xiaomi Mi 11 ha uno schermo che si curva a destra ea sinistra, un elemento estetico che risveglia i sentimenti trovati tra i clienti: puoi amarli o odiarli. La curvatura, ovviamente, è meno pronunciata di quella riscontrata in altri modelli concorrenti come il P40 Pro di Huawei.

Anche Xiaomi ha leggermente curvato il vetro che copre lo schermo su e giù. È un effetto molto sottile di cui molte persone probabilmente non si rendono nemmeno conto. Ma c’è.

Non ci sono grandi sorprese dietro di noi. Da un lato, un modulo fotografico dalla forma particolare e, dall’altro, un vetro opaco che si incurva leggermente sui lati fino a fondersi con i lati metallici.

 

Nel complesso, il prodotto si sente bene in mano, è sottile, è ben risolto e soddisfa ciò che ci si aspetta da uno smartphone della sua categoria. Esteticamente non differisce eccessivamente da quello che troviamo sul mercato – mantiene somiglianze con il P40 Pro e il Vivo X51 solo per citare alcuni esempi -, ma questo non significa che convince chi lo tiene tra le mani.

Ripetendo con i 108 megapixel

"

La proposta fotografica che questo Xiaomi Mi 11 porta con sé si riassume in quattro elementi: un sensore principale da 108 megapixel, un grandangolo da 13 megapixel, una fotocamera macro da 5 megapixel e una fotocamera frontale da 20 megapixel.

Una fotocamera con un teleobiettivo si distingue per la sua assenza, come si può vedere . Questo è qualcosa per cui molti smartphone della stessa gamma peccano, ma è comunque un punto negativo. E sì, il Mi 11 consente lo zoom sfruttando i 108 megapixel del sensore principale, ma il risultato non è lo stesso che si ottiene con un buon teleobiettivo.

"
"
"

In termini di qualità dell’immagine, le fotocamere Mi 11 sono generalmente in grado di catturare buone foto nella maggior parte delle situazioni . Ma, come al solito, è in questo campo che le differenze tra cellulari da oltre mille euro e le alternative più economiche, come questo Mi 11, sono più apprezzate. Pertanto, sebbene la sua fotocamera sia efficace e possa catturare buone fotografie, non rivaleggia con quella dell ‘ iPhone 12 Pro Max o quella del Galaxy S21 Ultra che sono i punti di riferimento in questo momento.

Vale la pena acquistare il Mi 11?

"

Il Mi 11 è un prodotto altamente consigliato per chi desidera, soprattutto, un cellulare Android molto potente, con una buona costruzione e uno schermo di prim’ordine. Ovviamente, non è perfetto, e questo può essere visto in sezioni come la fotografia, che è il principale sacrificio che il suo acquisto comporta. Ma dobbiamo anche ricordare che questo cellulare raggiunge i negozi per 750 euro. Una cifra che, per di più, cadrà in molti distributori con il passare del tempo.

Il suo naturale concorrente sarà OnePlus 9, che dovrebbe essere presentato nelle prossime settimane; l ‘ iPhone 12 che ha una fotocamera migliore e viene venduto per circa 100 euro in più; e il Galaxy S21, che attualmente si aggira intorno agli 800 euro. La scelta tra l’una o l’altra dipenderà dalle vostre preferenze e, soprattutto, dalle offerte disponibili al momento dell’acquisto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Maggiori info nella nostra privacy policy